Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 MAGGIO 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lombardia. Città della Salute: salta Vialba e spuntano due nuove ipotesi


Tramontata definitivamente l’ipotesi della sede a Vialba, a causa di un aggravio di costi aggiuntivi di circa 80 mln, restano in campo la piazza d'armi della Caserma Perrucchetti per Milano e l'area ex Falck proposta dal Comune di Sesto San Giovanni.

23 MAR - Prosegue senza sosta il lavoro promosso e coordinato da Regione Lombardia per la realizzazione della Città della Salute. Si è riunito ieri a Palazzo Lombardia il Collegio di vigilanza dell'Accordo di programma per la realizzazione dell'intervento, per discutere delle criticità emerse sull'area di Vialba, che comporterebbero, sotto il profilo economico, un aggravio di costi aggiuntivi di circa 80 mln.

Tramonta, dunque, definitivamente e ufficialmente questa ipotesi di localizzazione. In base a quanto già emerso nei Tavoli tecnici e nelle precedenti sedute dello stesso Collegio di Vigilanza, diversi elementi hanno cambiato lo scenario iniziale, sia sotto il profilo economico-finanziario sia in relazione all'ambito di intervento.

Occorrerebbe infatti:
- realizzare 3 vasche di laminazione, da localizzare su territori comunali di Bollate e Senago che per altro, sentiti, hanno esplicitato la loro contrarietà ad ospitare sul proprio territorio tali interventi per la protezione idrogeologica dell'area di Vialba;
- potenziare l'accessibilità, attraverso l'istituzione di 2 shuttle dedicati e tramite interventi sulla viabilità locale ovvero un nuovo collegamento viario con la Rho-Monza in corso di realizzazione;
- acquisire le aree di proprietà di Inps che al momento non ha ancora formalizzato la cessione per l'importo convenuto, da ridurre in forza dei costi degli interventi di bonifica delle aree, anche per la presenza del torrente Pudiga.

"In questa situazione contingente di crisi e stante l'impossibilità di reperire nuove risorse, anche statali - ha spiegato il governatore, Roberto Formigoni - la Regione non è in grado da sola di far fronte alla realizzazione della Città della Salute in Vialba". "In ogni caso - ha ha proseguito il governatore - confermiamo la valenza sanitaria e sociale della Città della Salute, assicurando l'impegno anche economico della Regione per portare a termine questo importante e strategico intervento nei tempi più solleciti possibili”. "Per questo - ha concluso Formigoni - abbiamo deciso di dare vita a un tavolo di lavoro con i Comuni di Milano e Sesto San Giovanni, oltre che con i due istituti interessati, per stabilire in tempi rapidi quale sarà la localizzazione dell'intervento, in modo da promuovere e firmare un nuovo Accordo di programma".

Restano dunque in campo le ipotesi della piazza d'armi della Caserma Perrucchetti per Milano, oltre ad altre eventuali soluzioni su cui il Comune dovesse decidere di lavorare e l'area ex Falck, proposta dal Comune di Sesto San Giovanni.
Naturalmente, come spiegato dalla Regione, sarà preservato il lavoro già svolto dal Consorzio fino ad oggi. Regione Lombardia e Comune di Milano hanno, infine, concordato di stabilire la nuova localizzazione della Città della Salute entro il prossimo 20 aprile.

23 marzo 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy