Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 06 OTTOBRE 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Conferenza delle Regioni. Partono le “Comunità amiche” per le persone con demenza


Sono state approvate Linee di indirizzo nazionali per le persone con demenza. L’obiettivo ora è favorire la rete tra associazioni, enti locali, terzo settore e sistema socio-sanitario e assistenziale e le sinergie sul territorio per la loro realizzazione. Bonaccini: “Una risposta concreta. Nessuno si deve sentire solo e abbandonato” IL DOCUMENTO

20 FEB - “Abbiamo approvato definitivamente le Linee di indirizzo nazionali per la costruzione di ‘Comunità amiche’ delle persone con demenza, lavorando su tutti gli aspetti che favoriscano la messa in rete e le sinergie sul territorio per la loro realizzazione”.

È quanto ha annunciato il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. Un documento, anticipato nei mesi scorsi e approvato approvato ora in via defiitiva dalla Conferenza Unificata con piccole limature, con piccole limature, che punta ad  aumentare la consapevolezza della comunità e la comprensione verso la demenza per:
- ridurre lo stigma sociale associato alla demenza;
- rendere partecipi del processo di mutamento sociale le persone con demenza e i loro familiari in tutte le fasi di attuazione;
- favorire il supporto e una presa in cura appropriata della persona con demenza;
- favorire un contesto comunitario vivibile e fruibile ovvero attività ricreative, culturali, sociali facilmente accessibili ed appropriate;
- promuovere un ambiente urbano familiare ed accogliente;
- rendere i servizi socio-sanitari e socio-assistenziali maggiormente attenti e sensibili.
 
Questo accordo – spiega Bonaccini – permette infatti di valorizzare la fondamentale sinergia tra le associazioni, gli enti locali, il terzo settore e il sistema socio-sanitario e assistenziale. L’obiettivo è di realizzare la loro indispensabile collaborazione, ma serve anche il supporto di una efficiente rete di servizi territoriali. Va anche attivato un processo di cambiamento culturale e sociale, che consenta di promuovere e comunicare la realizzazione di queste Comunità amiche a sostegno dei malati e dei loro familiari. Nessuno si deve sentire solo e abbandonato.
Ricordo che solo in Italia si parla di oltre un milione di persone colpite dalla malattia – ha aggiunto Bonaccini – e che in futuro si preveda un continuo aumento del fenomeno e del numero delle persone interessate. Senza parlare dei costi, che non sono solo quelli sociali, stimati in decine di miliardi.
Le ‘Comunità amiche’ possono essere una risposta concreta, che attiva le migliori energie che abbiamo all’interno della società, sia dal punto di vista del sostegno ai familiari che sotto l’aspetto socio-sanitario e ambientale, migliorando qualità della vita, partecipazione e la riduzione della disabilità”.
 

20 febbraio 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy