QS EDIZIONI
Venerdì 24 MAGGIO 2019
segui quotidianosanita.it

Forum risk management/4. Monaco (Fnomceo): “Sicurezza operatori e sicurezza delle cure due facce della stessa medaglia”

"La problematica della violenza non si affronta solo in termini di condanna, ma anche alzando l’attenzione e soprattutto creando soluzioni di tipo organizzativo per aumentare la sicurezza. Il risk management, infatti, non riguarda solo la sicurezza delle cure, ma anche quella degli operatori, che solo lavorando in ambienti sicuri potranno garantire un servizio adeguato”. Così il presidente Omceo di Siena sul tema che è stato affrontato oggi nel corso della kermesse che ha preso il via a Firenze.

27 NOV - Anche la Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) tra i protagonisti della tredicesima edizione del Forum Risk Management in Sanità, che – dedicata ai quarant’anni del Servizio Sanitario Nazionale - si è aperta questa mattina a Firenze (Fortezza Da Basso).
 
“Non potevamo non essere presenti a questa edizione, che si propone di monitorare risultati e criticità del nostro Servizio Sanitario Nazionale a quarant’anni dalla sua istituzione – afferma il Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli -. Tra le questioni ancora aperte, abbiamo voluto accendere una volta di più i riflettori sull’escalation di violenza contro i medici e gli operatori della sanità. L’aziendalizzazione della sanità, che ha trasformato i medici in tecnici, le prestazioni sanitarie in merci, i pazienti in consumatori, ha minato alla base l’alleanza medico-paziente, creando un’evidente frattura nel delicato mondo sanitario, in cui la reciproca fiducia, tra curato e curante, è il cemento che tiene insieme il Servizio sanitario pubblico. Di qui il ripetersi di aggressioni ai danni dei colleghi, su cui viene scaricata la responsabilità e di conseguenza la rabbia dei pazienti e dei loro familiari per ogni vero o presunto malfunzionamento del sistema”.
 
“La violenza non è un fenomeno che riguarda solo gli operatori della sanità, ma permea trasversalmente tutta la società civile, rivoltandosi contro chi rappresenta i suoi valori: medici, infermieri, ma anche docenti e, appunto, giornalisti – spiega il Segretario della Fnomceo, Roberto Monaco, che è anche presidente dell’Ordine dei Medici di Siena e Direttore UOC Qualità e Rischio clinico azienda Usl Sud Est sede operativa di Siena presso Usl Sud Est Toscana -. Abbiamo voluto portare queste testimonianze perché la problematica della violenza non si affronta solo in termini di condanna, ma anche alzando l’attenzione e soprattutto creando soluzioni di tipo organizzativo per aumentare la sicurezza. Il risk management, infatti, non riguarda solo la sicurezza delle cure, ma anche quella degli operatori, che solo lavorando in ambienti sicuri potranno garantire un servizio adeguato”.
 
“Abbiamo chiesto che il reato delle aggressioni contro gli operatori sanitari fosse perseguibile d’ufficio, perché il più delle volte il medico aggredito non denuncia, per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura – aggiunge Filippo Anelli -. Oltre a ciò servono soluzioni immediate di tipo strutturale, come la ricollocazione di tutte le guardie mediche in ambiente protetto e la valutazione della sicurezza delle sedi secondo i principi del risk management”.
 
“Occorre, soprattutto, nel medio lungo periodo, un netto cambiamento di rotta a livello culturale per ricostruire il patto di fiducia tra medici e cittadini, che è imprescindibile per l’alleanza terapeutica – conclude Anelli - In una Sanità intesa come impresa, in cui l’erogazione di servizi e prestazioni sanitarie viene equiparata alla produzione delle merci, si annida anche la crisi del rapporto fiduciario medico-paziente, con le sue conseguenze più preoccupanti, come il dilagare di fenomeni di violenza e il diffondersi di un’informazione sanitaria non attendibile. Laddove il paziente è un consumatore, il medico perde automaticamente autorevolezza, diventa detentore di un sapere “da scaffale” e relativo”.
 
E proprio per ricomporre la frattura tra scienza medica e società, e rinsaldare l’alleanza terapeutica, è nato il sito della Fnomceo Dottoremeveroche, che si propone di rispondere alle più comuni domande di salute dei cittadini secondo le più aggiornate evidenze scientifiche. Il sito, già presentato questa mattina da Maria Renza Guelfi, professoressa dell’Università di Firenze e componente del team multidisciplinare di Dottoremeveroche, sarà al centro dell’attenzione anche nel Convegno istituzionale del Ministero della Salute “Comunicare in Sanità: le sfide di oggi e di domani”, che si svolgerà il 29 novembre, dalle 14 alle 18,30, all’Auditorium della Fortezza Da Basso. A presentarlo, l’Ufficio Stampa Fnomceo.

27 novembre 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy