QS EDIZIONI
Venerdì 24 MAGGIO 2019
segui quotidianosanita.it

Forum Risk Management/6. Mangialardi (Anci): “Territorio sia diretto protagonista della programmazione della sanità”

Così Maurizio Mangialardi, sindaco di Senigallia e Coordinatore delle Anci Regionali e del neonato coordinamento Anci Salute, in occasione dell'evento del Forum Risk Management in Sanità 2018 che si è svolto ieri nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio a Firenze.

28 NOV - “Consentire al territorio di essere diretto protagonista nelle scelte di programmazione sul futuro della sanità e del sociosanitario, partendo da una sinergia istituzionale tra enti locali e management aziendale”.
 
È quanto ha affermato Maurizio Mangialardi, sindaco di Senigallia e Coordinatore delle Anci Regionali e del neonato coordinamento Anci Salute, in occasione dell'evento relativo al Forum Risk Management in Sanità 2018 che si è svolto nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio a Firenze.
 
“L'Anci da pochissime settimane (Rimini Consiglio Nazionale del 23 Ottobre) ha avviato una riflessione ed una riorganizzazione sui temi della sanita e del sociosanitario – ha spiegato il Sindaco Mangialardi- con l'obiettivo di valorizzare e rinnovare quanto già è  stato fatto. Ovviamente non siamo all’anno zero come impegno e ruolo svolti dai Comuni sui temi della salute”.
 
Basti pensare alle esperienze della Rete delle Città sane e al tema dell'Urban Health che hanno messo al centro della propria azione quanto il rapporto tra ambiente in cui si vive e stile di vita costituiscano il primo determinante di salute.
 
Da ventidue anni poi Anci opera attraverso un patto federativo con Federsanita per promuovere iniziative, politiche e progetti che mettano l'integrazione socio sanitaria al centro della programmazione, sul quale va fatta ora una riflessione per verificare e garantire le condizioni di un suo rilancio.
 
“Questo grazie ad una sinergia proprio con il management delle aziende sanitarie - ha proseguito - che, proprio al fine di rispondere in modo efficace ai bisogni di salute dei territori, va ripensato e riqualificato”.
 
 
Il Sindaco è, infatti, la prima autorità sanitaria sul territorio e per questo responsabile della condizione di salute della sua popolazione tutelata dell'articolo 32 della Costituzione. “È importante sottolineare però che, quando si parla di salute - ha detto il Sindaco - è bene riferirsi ad un concetto più ampio e, citando il documento di Ottawa dell’OMS del 1986, individuare alcuni prerequisiti senza i quali è impossibile esercitare il diritto alla salute: la casa, la scuola, i trasporti, la salubrità ambientale, la cultura, la sanità pubblica, l’assistenza sociale. Tutelare e governare questi “determinanti di salute” nei propri contesti urbani deve far parte di una strategia  che faccia leva su di essi per mettere a punto politiche che puntino a migliorare gli stili di vita e la salute del cittadino”.
 
“E’ necessario quindi – ha proseguito Mangialardi -  consentire al territorio di essere diretto protagonista nelle scelte di programmazione sul futuro della sanità e del socio/sanitario partendo da una sinergia istituzionale tra enti locali e management aziendale, ripensando in senso evolutivo il Servizio Sanitario (a 40 anni dalla sua istituzione) e dell’approccio pubblico alle problematiche socio sanitarie per far fronte alla crescita della cronicità e dell’invecchiamento nella popolazione”. 
 
Allo stesso tempo, secondo l'Anci, è necessario riqualificare e potenziare  l’integrazione sociosanitaria, come attività del sistema sociale che ha l’obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità o di emarginazione condizionanti lo stato di salute, operando un efficace raccordo con le politiche regionali tese a disciplinare i principi e gli strumenti per l’integrazione dei servizi e delle attività sanitarie, sociosanitarie e sociali, particolarmente per l’area della non autosufficienza, della disabilità, della salute mentale, dell’assistenza ai minori e delle dipendenze, fornendo altresì alle ASL indicazioni per l’erogazione congiunta degli interventi.
 
Questo appare necessario e funzionale all’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza/LEA sanitari, tra i quali non a caso sono individuati, nell’ambito dell’assistenza distrettuale, l’area dell’assistenza sociosanitaria domiciliare e territoriale, residenziale e semiresidenziale nella quale si prevede l’erogazione congiunta di attività e prestazioni afferenti all’area sanitaria e all’area dei servizi sociali. 
 
"In tal senso sarebbe auspicabile - secondo Mangialardi - razionalizzare e potenziare le risorse aggiuntive per le Amministrazioni comunali, che allo stato attuale per la concreta applicazione dei LEA passano attraverso specifici provvedimenti regionali e che, solo in qualche regione virtuosa, prevede l’erogazione di risorse ai Comuni per alleggerire i costi (della componente sociale) connessi all’assistenza sociosanitaria. Intorno a questo perimetro noi Sindaci – ha concluso -  intendiamo muoverci, con il contributo e la collaborazione fattiva di tutti gli attori in campo partendo proprio dal management sanitario". 

28 novembre 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy