Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Sardegna
segui quotidianosanita.it

Sardegna. Prima seduta per la nuova Consulta Diabete. Arru: “Recuperare il tempo perduto”

La Consulta non si riuniva dal 2009. Si dovrà occupare di analizzare le necessità di tipo clinico, organizzativo e sociale, e fornire pareri sui programmi d’intervento per la prevenzione e la cura del diabete. Per l'assessore “è importantissimo puntare a una gestione integrata, al chronic care model”.

17 LUG - Sono partiti mercoledì i lavori della nuova Consulta regionale della Sardegna sulla diabetologia e le malattie metaboliche correlate. Durante la riunione sono stati istituiti gli organismi di partecipazione che si occuperanno degli interventi di prevenzione, diagnosi e cura di questo tipo di patologie. “La Consulta non si riunisce dal 2009 – ha detto l’assessore della Sanità, Luigi Arru – Ora dobbiamo recuperare il tempo perso e scommettere su un cambio di visione, passo e mentalità per rendere la vita più semplice al cittadino-paziente”.

La Consulta resterà in carica tre anni, è presieduta dal titolare della Sanità e composta da medici, rappresentanti di associazioni dei pazienti diabetici, di società scientifiche e dei servizi di diabetologia delle Asl, e ancora da figure professionali coinvolte nei processi di prevenzione e cura della patologia come dietologi, infermieri e farmacisti. “È importantissimo puntare a una gestione integrata, al chronic care model, che serve a favorire il miglioramento delle condizioni dei malati cronici. I componenti della Consulta – ha proseguito l’esponente dell’Esecutivo – funzioneranno da sensori delle problematiche e suggeriranno quali possano essere le politiche necessarie sul territorio. Queste verranno poi vagliate e valutate dall’Assessorato e tradotte in programmi d’intervento”.  


La Consulta si dovrà occupare di analizzare ed esprimere le necessità di tipo clinico, organizzativo e sociale, fornire pareri sui programmi d’intervento per la prevenzione e la cura del diabete, e dovrà promuovere l’attivazione di iniziative di approfondimento e diffusione delle informazioni sulla malattia, che servano a migliorare la comprensione sociale del fenomeno. “Il confronto, il lavoro di squadra e la circolazione delle notizie e delle informazioni – ha concluso l’assessore Arru – sono fondamentali nella gestione corretta del processo. Dobbiamo uscire dal mondo esclusivamente sanitario e diffondere nella popolazione un modello e uno stile di vita corretto, partendo dalle scuole, dai luoghi di lavoro e le organizzazioni sportive”.

17 luglio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Sardegna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy