Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 02 DICEMBRE 2020
Sardegna
segui quotidianosanita.it

Covid. A Sassari aperto nuovo reparto covid. In arrivo pazienti anche dal resto dell’Isola. Contu: “Situazione critica”

“L'Aou sta facendo il possibile per far fronte a questa pandemia che sta assumendo proporzioni di vasta portata”, afferma il direttore sanitario del presidio di Sassari, Bruno Contu, annunciando che la Neurologia si aggiunge agli altri sei reparti già impegnati nella lotta al coronavirus, con il trasferimento dei pazienti neurologici in altri reparti dell’Aou. Verso Sassari sono iniziati anche i primi trasferimenti dei pazienti Covid dagli altri ospedali dell’isola.

23 OTT - La Regione Sardegna si riorganizza per migliorare la gestione dell’emergenza covid alla luce del continuo aumento dei contagi e dei pazienti. “Siamo di fronte a una situazione critica e l'Aou, con l'impegno e lo sforzo continui di tutto il personale, sta facendo il possibile per far fronte a questa pandemia che sta assumendo proporzioni di vasta portata”, afferma il direttore sanitario del presidio, Bruno Contu, in una nota in cui si annuncia che l’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari si è “vista costretta a convertire un’altra struttura in reparto Covid”. Si tratta della Neurologia del Palazzo Clemente dalla quale i pazienti lì ricoverati sono stati trasferiti in altri reparti dell’Aou.
 
Diventano così 7 le unità operative del presidio ospedaliero sassarese trasformate in reparti Covid (Malattie infettive, Terapia Intensiva Covid, Pneumologia, Rianimazione 1, Clinica Medica e Patologia Medica).
 
Da Contu quindi viene rinnovato un appello alla popolazione: “In caso di sintomi simili al Covid gli utenti devono chiamare il proprio medico di famiglia o quello di continuità assistenziale. Non devono presentarsi al Pronto soccorso salvo in presenza di importanti sintomi. Un invito al rispetto di quelle semplici regole, già adottate nella prima fase della pandemia, che possono dimostrarsi utili per non congestionare l'attività del Pronto soccorso, che rimane sempre un presidio per le emergenze urgenze”.

 
Intanto sono iniziati i primi trasferimenti dei pazienti Covid verso l’ospedale Mater Olbia, con lo scopo di alleggerire i presidi del Sud Sardegna e garantire una migliore assistenza. L’ospedale Mater Olbia ha dato disponibilità di posti letto di degenza ordinaria e di degenza semintensiva. La Direzione di ATS Sardegna ha disposto i trasferimenti, attraverso ambulanze dedicate, dei pazienti del Pronto Soccorso e pazienti ricoverati nei reparti dell’ospedale SS. Trinità e del San Martino di Oristano.

E’ stato anche disposto lo spostamento dei primi ospiti dell’Hotel Grazia Deledda di Sassari che ha risposto alla manifestazione di interesse pubblicata qualche giorno fa sull’Albo pretorio da ATS Sardegna. Si tratta di pazienti positivi Covid-19 asintomatici, provenienti dagli ospedali di Carbonia e Cagliari, che non possono essere reinseriti nei propri nuclei familiari in sicurezza e osservare il prescritto isolamento domiciliare nelle proprie abitazioni. I pazienti resteranno per tutto il periodo necessario alla loro guarigione clinica.

23 ottobre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Sardegna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy