Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 NOVEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Crescono investimenti e occupazione, soprattutto giovanile

11 LUG - Le imprese del farmaco nel 2017 hanno investito 2,8 miliardi (1,5 in ricerca, 1,3 in impianti produttivi). Valore cresciuto del 3% dall’anno precedente e di oltre il 20% dal 2012.
 
Segno “+” è stato registrato anche sul fronte occupazionale. Gli addetti nel 2017 hanno raggiunto quota 65.400 (93% a tempo indeterminato), 1.000 in più rispetto al 2016. E nell’ultimo triennio le assunzioni sono state 6.000 ogni anno.
 
Gli addetti farmaceutici negli ultimi due anni sono cresciuti più che in tutti gli altri settori (+4,5% rispetto a +1,3% della media manifatturiera).
 
Fiore all’occhiello del settore è l’occupazione giovanile: secondo i dati INPS, dal 2014 al 2016 gli addetti under 35 nell’industria farmaceutica sono aumentati del 10%, rispetto al +3% del totale dell’economia. Rappresentano il 55% del totale degli addetti in più e quasi tutti sono a tempo indeterminato (3 su 4).
 
Farmindustria coordina - come prima associazione di categoria del Sistema Confindustria - un progetto pilota, avviato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), di Alternanza Scuola-Lavoro “in filiera”. Un progetto che vuole dare la possibilità agli studenti degli ultimi anni di scuola superiore di entrare in contatto con il mondo delle imprese e i loro valori. 

 
 
Leadership per numero di occupati “al femminile” e politiche di welfare
Sono tante le donne, pari al 42% degli occupati, molto di più rispetto alla media del totale industria (25%). Spesso con ruoli importanti nell’organizzazione aziendale. Sono donne infatti circa il 40% di dirigenti e quadri. Con il 52% di ricercatrici, si può poi affermare che la ricerca è “rosa”.
 
E per garantire la qualità di vita, alla base della qualità del lavoro, le aziende farmaceutiche offrono servizi di welfare, dedicati alla conciliazione vita-lavoro, al benessere dei dipendenti e dei loro familiari, alla formazione, all’assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti.
 
Servizi frutto anche di un modello innovativo di relazioni industriali partecipative e collaborative che sono un vero e proprio strumento per la competitività e la crescita.
 
 
Al terzo posto in Italia per investimenti in ricerca 
Gli addetti in R&S sono pari a 6.400, più della metà donne. E con 1,5 miliardi investiti nel 2017 (il 7% del totale) l’industria farmaceutica è terza in Italia tra i settori manifatturieri per investimenti in R&S, cresciuti del 22% negli ultimi 5 anni (300 milioni di euro in più). Di più della media degli altri Paesi europei (16%). Ed è prima per spese per innovazione per addetto.
 
Ricerca che si sviluppa sempre più in partnership con: università, centri clinici di eccellenza, Pmi biotech, start-up, enti no-profit, nel pubblico e nel privato. Un’open innovation che garantisce alle imprese i migliori talenti sul mercato e alimenta il sistema nazionale della ricerca a beneficio di tutto il Paese.
 
 
Studi clinici
Uno su cinque in Ue viene svolto nel nostro Paese, grazie alle molte eccellenze ospedaliere e ai medici e a tutti gli operatori sanitari.
Gli investimenti da parte delle imprese del farmaco per gli studi clinici sono di 700 milioni all’anno, tra i più alti contributi al sistema nazionale di ricerca.
Gli studi clinici rappresentano un grande valore per il SSN anche per i risparmi che generano, perché le imprese si fanno carico di tutti i costi ad essi connessi: si calcola che ad esempio in oncologia per 1 euro investito il SSN ne risparmia 2,2.
 
 
I risultati della R&S nel mondo
Cresce l’attenzione alle specificità femminili, con 850 farmaci in sviluppo nel mondo per il trattamento di malattie maggiormente presenti nelle donne.
 
E sono molte le sfide che la R&S sta affrontando per dare risposte ai bisogni di salute non ancora soddisfatti.
 
Oggi infatti sono 15.000 i farmaci allo studio nel mondo, di cui più di 7.000 in fase clinica, una rivoluzione che può vedere l’Italia protagonista a livello globale.   
 
Nei prossimi anni gli investimenti in R&S dell’industria farmaceutica globale arriveranno a 1.000 miliardi di dollari: il più grande investimento al Mondo.

11 luglio 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy