Quotidiano on line
di informazione sanitaria
08 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Le 5 cose da sapere sull’Hiv secondo l'Oms

29 NOV - 1. Oggi 4 persone su 5 con HIV vengono sottoposte a test e 2 su 3 ricevono cure: le comunità hanno svolto un ruolo importante nel raggiungimento di questo successo. 
Dei circa 37,9 milioni di persone che vivono con l'HIV alla fine del 2018, al 79% è stato diagnosticato, il 62% ha ricevuto un trattamento e il 53% ha ottenuto la soppressione del virus dell'HIV con un basso rischio di infettare altri.
Uno dei principali fattori che hanno contribuito a questo successo in tutti i paesi sono state le migliaia di membri delle reti e degli operatori sanitari della comunità, molti dei quali vivono o sono affetti dall'HIV.
 
2. L' OMS raccomanda ai paesi di adottare test HIV, prevenzione e cure su base comunitaria come strategia chiave. 
L'OMS raccomanda un mix strategico di approcci per i test, test autodiagnostici e referral assistiti dal fornitore per raggiungere le persone a più alto rischio di HIV.
 
Paesi come il Sudafrica e il Ruanda hanno dimostrato in che modo coetanei qualificati o operatori sanitari della comunità hanno fornito test diagnostici rapidi con risultati nello stesso giorno, consentendo a più persone di conoscere il proprio stato.

 
L'OMS raccomanda di aumentare i test rapidi in contesti comunitari in Europa, Asia e America per sostituire gli approcci laboriosi che causano settimane di ritardi nei risultati dei test e l'inizio del trattamento.
 
L'OMS sta inoltre aggiungendo nuove raccomandazioni per mobilitare i social network basati sulla comunità per aumentare la domanda di test per l'HIV, compresi gli autotest e per promuovere test rapidi su doppia HIV / sifilide e nuovi strumenti digitali.
 
3. Il trattamento e il monitoraggio dell'HIV su base comunitaria consentono di risparmiare denaro e ridurre i carichi di lavoro per medici, infermieri e altri operatori sanitari. 
L'OMS raccomanda ai paesi di formare e mobilitare gli operatori sanitari della comunità, comprese le persone che vivono con l'HIV, per fornire cure e cure decentralizzate e differenziate.
Le prove mostrano che più persone continuano con il trattamento dell'HIV quando gli educatori tra pari si consigliano e si supportano a vicenda.
L'OMS raccomanda inoltre che gli operatori sanitari della comunità supportino il monitoraggio e la raccolta dei dati.
 
4. L'ampliamento del ruolo delle comunità e l'assistenza sanitaria aiuterà i paesi a raggiungere gli obiettivi globali.
I servizi sanitari stanno lottando per fornire a tutte le persone i servizi di cui hanno bisogno gli affetti. È improbabile che gli obiettivi globali per l'HIV per il 2020 siano raggiunti a meno che non sia disponibile un maggiore sostegno.
 
Il divario più evidente si riscontra nella prevenzione. Nel 2018, 1,7 milioni di persone sono state recentemente infettate dall'HIV: questo numero deve ridursi di tre volte per raggiungere l'obiettivo del 2020 di 500 000.
 
Anche la copertura dei test e dei trattamenti è fuori strada, specialmente per le popolazioni chiave e i bambini. Ad esempio, oltre la metà di tutte le nuove infezioni sono tra le popolazioni chiave e i loro partner; solo la metà dei bambini bisognosi riceve ART, di cui solo la metà ha raggiunto la soppressione virale grazie all'uso di medicine non ottimali.
 
5. L'impegno della comunità civile e della società civile deve rimanere una strategia chiave per rafforzare l'assistenza sanitaria di base.
L'attivismo e l'azione della società civile sono stati risorse chiave nella risposta all'HIV sin dai primi giorni, ispirando la comunità sanitaria globale a galvanizzare gli sforzi per aumentare l'equità, il rispetto della salute e dei diritti umani e l'innovazione scientifica.
A settembre 2019, i leader globali hanno firmato la prima dichiarazione delle Nazioni Unite sull'UHC con un focus centrale sull'assistenza sanitaria di base, su misura e costruita attraverso comunità autorizzate e coinvolte.
 
Oggi, l'assistenza centrata sulle persone, l'impegno della comunità e della società civile sono inclusi in tre obiettivi dell'obiettivo di sviluppo sostenibile.
 
La Giornata mondiale dell'AIDS 2019 offre l'opportunità di tradurre i nostri impegni in azioni, per garantire che il ruolo delle comunità per l'HIV e il progresso della salute siano celebrati e accelerati

29 novembre 2019
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy