Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 13 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epatite C. Cos’è, come si diagnostica, i casi in Italia

20 NOV - L’Epatite C è un’infiammazione del fegato causata dal virus denominato HCV che attacca il fegato provocando danni strutturali e funzionali anche molto gravi. Nello specifico, l’infezione causa la morte delle cellule epatiche (necrosi epatica), che vengono sostituite da un nuovo tessuto di cicatrizzazione che, a lungo andare, occupa tutta o quasi la componente sana del fegato, da cui deriva una grave compromissione delle attività dell’organo, fino all’evoluzione come ultimo stadio alla cirrosi epatica.

L’infezione acuta del virus dell’Epatite C è quasi sempre asintomatica, tanto che la patologia è definita un “silent killer”. L’infezione da HCV cronicizza nel 70-85% dei soggetti. Il 20-30% dei soggetti con danno epatico cronico sviluppa cirrosi nell’arco della propria vita. Ogni anno il 5-10% dei soggetti con cirrosi sviluppa un epatocarcinoma.

Come si trasmette: l'Epatite C è “a trasmissione ematica”, il che significa che le persone vengono infettate attraverso il contatto diretto con sangue infetto. I principali fattori di rischio sono: trasfusioni di sangue ed emoderivati infetti, uso di droghe per via endovenosa, rapporti sessuali a rischio, trattamenti come piercing e tatuaggi eseguiti con strumenti non adeguatamente sterilizzati, contagio perinatale (in circa il 5% dei bambini nati da madri HCV-RNA positive), co-infezione epatiti croniche/HIV.


La diagnosi L’epatite C viene diagnosticata con un test del sangue che indica la presenza o meno di anticorpi anti-HCV, ovvero specifici contro il virus. La verifica della presenza del virus deve essere richiesta esplicitamente dal medico curante, non è contenuta negli esami del sangue di routine effettuati periodicamente dalla popolazione generale. Per questo motivo la maggior parte delle persone affette da Epatite C asintomatica non sa di avere la malattia.

L’epatite C in Italia – Le stime più recenti suggeriscono che in Italia vi siano circa 700 mila persone affette da questa malattia, almeno la metà delle quali non sa di aver contratto l’infezione e quindi non si cura. Il virus si è distribuito prima in Italia che in altri paesi del Centro-Nord Europa, principalmente negli anni 50-60 quando non era ancora noto l’agente virale; questo ha fatto sì che in Italia colpisse più persone e che ci siano tanti individui con una malattia ormai in fase avanzata. Questo spiega perché l’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di soggetti HCV positivi e detiene il triste primato di mortalità in Europa per tumore primitivo del fegato: sono in totale 3000 all’anno circa, di cui circa metà dovuti all’HCV. I pazienti HCV positivi in attesa di un trapianto di fegato rappresentano circa il 40-50% del totale dei pazienti in lista di attesa.

20 novembre 2014
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy