Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 GENNAIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

La variante Omicron e il  cortocircuito comunicativo tra aziende e istituzioni


Per l'amministratore delegato di Moderna è "improbabile che gli attuali vaccini siano efficaci" contro la variante Omicron. Questi dovranno essere modificati e saranno necessari "diversi mesi". Ma per il vicepresidente senior di Pfizer-Bionetch gli attuali vaccini potrebbero non proteggere dall'infezione, "ma proteggere dalla terapia intensiva. Servono più dati che ora non abbiamo". Intanto il Dipartimento di sanità UK avverte sul fatto che Omicron potrebbe aggirare i vaccini per l'infezione, ma "si spera che sarebbero solo piccoli gli effetti sulla malattia grave".

30 NOV - L'arrivo della variante Omicron in Europa sembra aver innescato un vero e proprio corto circuito comunicativo sull'efficacia degli attuali vaccini contro il Covid. Aziende e istituzioni sanitarie e scientifiche sembrano mandare messaggi spesso in contraddizione tra loro alimentando un clima di caos.
 
Questa mattina a far scalpore è stata l'intervista rilasciata al Financial Times dal Ceo di Moderna, Stephane Bancel. "Non c’è modo che l’efficacia dell'attuale vaccino sia allo stesso livello che abbiamo avuto con Delta. Penso che sarà minore, non so quanto, perché dobbiamo aspettare i dati, ma tutti gli scienziati con cui ho parlato ritengono che ’non andrà bene”. Bancel ha inoltre aggiunto che l’elevato numero di mutazioni che il virus utilizza rende probabile che l’attuale vaccino debba essere modificato. E per modificarlo saranno necessari "diversi mesi".
 
Molto meno pessista è apparso il vicepresidente senior di Pfizer-Biontech, Katalin Karikó: "Il vaccino probabilmente non protegge dall'infezione perché abbiamo avuto dei casi, ma sembra protegge dalla terapia intensiva. Ci sono più livelli di protezione: la positività, i sintomi, il ricovero in ospedale, la rianimazione. Ma la situazione è in continua evoluzione, molto difficile da prevedere. Vedo molti colleghi fare esternazioni più o meno rassicuranti ma sono solo speculazioni. Nessuno sa con esattezza cosa accadrà. Una cosa però si può dire: quando venne scoperta la variante Delta, molte persone corsero a vaccinarsi e fecero bene. Perché più persone si vaccinano e meno possibilità ha il virus di evolvere e mutare. E quindi di continuare a diffondersi”.

 
E proprio quest'ultimo sembra essere un punto centrale. Infatti le dichiarazioni di Bancel sulla più che probabile inefficacia degli attuali vaccini rischiano di spingere diverse persone ad attendere l'arrivo dei vaccini aggiornati per farsi somministrare la prima o terza dose. Quanto alle tempistiche per avere questi vaccini aggiornati, l'AD di Moderna ha spiegato che saranno necessari "diversi mesi". E' stata più precisa invece la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke che ha parlato di una produzione e autorizzazione "in 3-4 mesi".
 
Sempre in mattinata poi, Jonathan Van-Tam, deputy chief medical officer sul Covid nel Regno Unito, in conferenza stampa ha spiegato che se Omicron dovesse aggirare i vaccini lo farebbe per l'infezione. Mentre "si spera che sarebbero piccoli gli effetti sulla malattia grave". Ma questo dato diventerà una certezza  "solo nelle prossime settimane". 
 
Provando a fare la 'tara' sulle varie divergenze comunicative delle aziende produttrici di vaccini, possiamo dire che al momento gli attuali vaccini sembra possano essere aggirati dalla variante Omicron per quanto riguarda l'infezione, non vi sono invece ad oggi evidenze su una loro inefficacia per quel che riguarda la protezione da malattia grave e morte. E si dovranno attendere chiarimenti  proprio su quest'ultimo punto prima di rendere concrete le ipotesi sulla necessità di un aggiornamento dei vaccini.

30 novembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy