Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

“Fine alle disuguaglianze. Fine dell’AIDS”. Oggi è la Giornata mondiale. Oms: “Covid ha esacerbato le disuguaglianze e ridotto i servizi. Per i malati la vita è più difficile”. Focus su ricerca e cure per le donne in gravidanza


Oggi si celebra la Giornata mondiale contro l’Aids. Molti progressi sul piano delle cure che hanno reso l’infezione una condizione di salute cronica gestibile ma una parte del mondo, in primo luogo l’Africa, resta ancora indietro nell’accesso alle cure e alla prevenzione con i due terzi di tutti i sieropositivi del mondo che vivono in questo continente. Ecco cosa fare per invertire la rotta.

01 DIC - L'HIV rimane un grave problema di salute pubblica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.
 
Queste le cifre aggiornate ad oggi dall’Oms:
37.700.000: numero stimato di persone che vivono con l'HIV nel 2020, di cui oltre due terzi (25,4 milioni) nella regione africana dell'OMS.
 
680.000: le persone morte per cause legate all'HIV nel 2020
 
1.500.000: le persone infettate nel 2020
 
73: la percentuale di persone che convivono con l'HIV ha ricevuto una terapia antiretrovirale (ART) permanente nel 2020
 
L'HIV continua quindi a essere un grave problema di salute pubblica globale, che ha causato finora 36,3 milioni di decessi nel mondo.
 
Non esiste una cura o un vaccino per l'infezione da HIV. Tuttavia, con il crescente accesso a un'efficace prevenzione, diagnosi, trattamento e assistenza, comprese le infezioni opportunistiche, l'infezione da HIV è diventata una condizione di salute cronica gestibile, che consente alle persone che vivono con l'HIV di condurre una vita lunga e sana.
 
Ma i numeri del contagio e della malattia restano impressionanti e testimoniano la necessità di rinnovare l’impegno anche perché, sottolinea l’Oms, sebbene il mondo abbia compiuto progressi significativi negli ultimi decenni, alcuni importanti obiettivi globali per il 2020 non sono stati raggiunti.
 
Per raggiungere i nuovi obiettivi globali proposti 95-95-95 fissati dall'UNAIDS, l’Oms stima che si dovranno raddoppiare gli sforzi per evitare lo scenario peggiore di 7,7 milioni di decessi correlati all'HIV nei prossimi 10 anni e con un consistente aumento delle infezioni.
 
Divisione, disparità e non rispetto per i diritti umani sono tra i fattori che hanno permesso all'HIV di diventare, prima, e restare, poi, una crisi sanitaria globale.
 
Il COVID-19 sta esacerbando le disuguaglianze e le interruzioni dei servizi, rendendo più difficile la vita di molte persone che convivono con l'HIV.
 
Da qui il titolo della Giornata mondiale contro l'AIDS 2021 “Fine alle disuguaglianze. Fine dell'AIDS”, con un'attenzione particolare al raggiungimento delle persone rimaste indietro.
 
 
Appello per accelerare lo studio di nuovi farmaci per l'HIV nelle donne in gravidanza e allattamento
Più di 19 milioni di donne convivono con l'HIV in tutto il mondo e molte adolescenti e giovani donne sono a rischio di contrarre l'HIV, la maggior parte delle quali è in età fertile.
 
Le informazioni per supportare le scelte ottimali dei farmaci antiretrovirali in gravidanza sono state raramente disponibili per le donne o per i loro operatori sanitari, in gran parte, sottolinea l’Oms, a causa di approcci storicamente protezionisti e conservatori che limitano l'inclusione negli studi clinici delle donne in gravidanza e in allattamento.
 
Oggi l'OMS insieme all'International Maternal Pediatric Adolescent AIDS Clinical Trials Network (IMPAACT) e all'International AIDS Society hanno lanciato un appello all'azione affinché le voci, gli interessi e le preoccupazioni delle donne siano al centro di nuovi studi sperimentali sui farmaci e affinché nessuna donna rimanga senza accesso informato a farmaci innovativi per il trattamento e la prevenzione dell'HIV.
 
L'invito all'azione sostiene un cambiamento di paradigma per cambiare la visione tradizionale delle donne incinte come popolazione vulnerabile per mostrarle come una popolazione importante che necessita di servizi per l'HIV e che dovrebbe essere inclusa nelle sperimentazioni per testare nuovi farmaci.
 
Basandosi sugli sforzi in corso da parte delle autorità di regolamentazione, i gruppi di ottimizzazione dei farmaci antiretrovirali pediatrici (PADO) e della Conferenza sull'ottimizzazione dei farmaci ARV (CADO) convocati dall'OMS hanno condotto consultazioni di esperti per discutere questi nuovi principi per la raccolta di dati più tempestivi e completi durante la gravidanza e l'allattamento.
 
Questi principi si basano sui processi consultivi della rete OMS e IMPAACT per identificare e perfezionare gli approcci ottimali allo studio della farmacocinetica della gravidanza (PK), nonché la sicurezza e l'efficacia di nuovi agenti correlati all'HIV durante la gravidanza e l'allattamento.
 
Sulla base di questo lavoro, è stato sviluppato un quadro per accelerare l'inclusione delle donne in gravidanza e allattamento negli studi clinici . L'attuazione di questo quadro richiede uno sforzo concertato e un'azione urgente da parte di più parti interessate.
 
“Questo invito all'azione mette in parole le voci delle donne che vivono con e a rischio di HIV. Sapere che le donne in tutta la loro diversità saranno incluse nelle prime fasi degli studi sui farmaci per l'HIV aiuterà l'OMS e altre agenzie normative a formulare raccomandazioni per i migliori e più sicuri antiretrovirali per tutte le donne in gravidanza e allattamento e contribuirà a porre fine all'AIDS come minaccia per la salute pubblica per tutte le popolazioni entro il 2030. L'OMS è ansiosa di vedere i principi delineati nel quadro in azione nei prossimi mesi”, ha affermato Meg Doherty, direttore dei programmi globali HIV, epatite e IST dell'OMS.
 
"La rete IMPAACT riconosce che è tempo di intraprendere un'azione decisa e accelerare lo studio di nuovi antiretrovirali per la prevenzione e il trattamento in gravidanza", ha affermato Sharon Nachman, presidente della rete IMPAACT.
 
“Non chiediamo che le donne in gravidanza siano esposte a rischi indebiti, ma quando abbiamo l'opportunità di ottenere informazioni su un farmaco durante la gravidanza, come quando le donne rimangono incinte durante gli studi o dopo che è stata accertata la sicurezza, alle donne in gravidanza non dovrebbe essere negato inclusione, in particolare per i farmaci che saranno utili per loro", ha affermato Mary Nyathi, Project Officer, The Ritshidze Project, Sud Africa.
 
I messaggi chiave dell’Oms per la Giornata mondiale
1. Impegnarsi nuovamente per porre fine all'HIV
Le disuguaglianze persistenti e le sfide poste dalla pandemia di COVID-19 richiedono un rinnovato sforzo per porre fine all'HIV come minaccia per la salute pubblica entro il 2030.
 
2. Affrontate insieme HIV e COVID-19
Dobbiamo affrontare le sfide speciali presentate dalla pandemia di COVID-19 per le persone che vivono con l'HIV.
 
3. Concentrati sull'uguaglianza
Dobbiamo garantire che tutti, ovunque, abbiano pari accesso alla prevenzione, ai test, alle cure e alle cure dell'HIV, comprese le vaccinazioni e i servizi COVID-19.
 
4. Concentrati su chi è rimasto indietro
L'OMS raccomanda una rinnovata attenzione ai paesi e alle popolazioni che mancano ancora nella risposta globale all'HIV e all'AIDS. Questi includono i diversi gruppi di persone emarginate in ciascun paese, comprese le popolazioni "chiave" di persone ad alto rischio.


Cosa dovrebbero fare:
Gli operatori sanitari
• Sostenere il mantenimento di servizi HIV essenziali di alta qualità durante la pandemia di COVID;
• Incorporare l'HIV negli interventi sanitari di routine;
• Fornire cure gentili, rispettose dei diritti umani e senza stigma;
• Assicurati di essere addestrato e consapevole della prevenzione e del controllo delle infezioni e di utilizzare misure appropriate;
• Proteggi la tua sicurezza e quella delle persone a cui tieni.
 
I Ministeri della Salute, le Commissioni nazionali per l'AIDS e altri leader della sanità pubblica
• Intraprendere azioni decisive per rilanciare e mantenere i servizi essenziali per l'HIV durante la pandemia di COVID-19;
• Allocare risorse sufficienti per migliorare la qualità dei servizi per l'HIV e renderli più resilienti e sostenibili;
• Concentrare gli sforzi per raggiungere le popolazioni vulnerabili o fondamentali per la risposta all'HIV, comprese le donne incinte ei neonati;
• Espandere i servizi HIV di alta qualità per giovani a rischio, adolescenti, donne incinte, uomini che fanno sesso con uomini in modo flessibile e sostenibile;
• Consentire alle comunità di combattere lo stigma e la discriminazione.
• Sostenere e responsabilizzare gli operatori sanitari in prima linea (infermieri, ostetriche e operatori sanitari della comunità) per fornire servizi HIV di alta qualità, riconoscendo al contempo il loro contributo fondamentale nella fornitura di servizi HIV;
• Garantire dispositivi di protezione individuale e articoli per l'igiene delle mani adeguati e sufficienti, nonché la fornitura di un ambiente di lavoro sicuro e di supporto per migliorare la sicurezza delle condizioni di lavoro nelle strutture sanitarie;

I Leader della comunità
• Garantire che i servizi essenziali per l'HIV siano mantenuti nella comunità;
• Raggiungere le popolazioni chiave e vulnerabili e aiutarle ad accedere ai servizi per l'HIV quando necessario;
• Garantire che adolescenti, giovani a rischio, donne incinte e neonati ricevano cure adeguate che includano l'HIV.
• Combattere lo stigma e la discriminazione per garantire che tutti si sentano sicuri nell'accedere ai servizi per l'HIV;
• Supportare gli operatori sanitari della comunità, inclusi infermieri e ostetriche, per fornire servizi per l'HIV a tutti nella comunità;

I Responsabili del programma HIV
• Concentrarsi sulle popolazioni chiave e vulnerabili per la fornitura di servizi per l'HIV.
• Sostenere e consentire agli operatori sanitari in prima linea di fornire servizi HIV di alta qualità a tutti coloro che ne hanno bisogno;
• Riconoscere i contributi essenziali di infermieri e ostetriche alla fornitura di servizi per l'HIV;
• Garantire una formazione adeguata nei servizi per l'HIV per gli operatori sanitari in prima linea;

I Partner di sviluppo
• Garantire la fornitura ininterrotta di beni di prima necessità, forniture e servizi HIV e COVID-19;
• Investire nello sviluppo della capacità degli operatori sanitari di fornire servizi HIV di qualità;
• Supportare l'assistenza centrata sulle persone, compresa la fornitura di servizi differenziati (DSD) e l'erogazione di più mesi (MMD) per tutte le popolazioni

01 dicembre 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy