Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 09 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Virus Hiv velocizza processo di invecchiamento


Il virus dell’HIV accelera il naturale processo di invecchiamento dell’organismo già dopo due o tre anni dall’infezione. A questa conclusione è giunta una ricerca dell’Università della California che ha confrontato campioni di sangue di persone sieropositive con quelli di persone che non avevano l’infezione.

06 LUG - I

l virus dell’HIV avrebbe un ‘precoce e sostanziale’ impatto sull’invecchiamento delle persone con infezione, accelerando i cambiamenti biologici dell’organismo associati al normale invecchiamento, entro appena due o tre anni dall’infezione. A questa conclusione è giunta una ricerca pubblicata su iScience da un team dell’Università della California di Los Angeles, coordinato da Elizabeth Crabb Breen. Rispetto a chi non ha l’infezione, l’HIV può rapidamente far perdere quasi cinque anni di vita all’aspettativa di una persona.

Il team americano ha analizzato i campioni di sangue di 102 uomini raccolti entro sei mesi dall’infezione del virus dell’HIV: l’operazione è stata ripetuta dopo due o tre anni. I risultati sono stati confrontati con campione prelevati da altrettanti uomini sani.

In particolare, i ricercatori si sono focalizzati sul modo in cui il virus altera la metilazione del DNA epigenetico, un processo che le cellule usano per ‘accendere’ o ‘spegnere’ i geni. I cambiamenti epigenetici rispondono all’influenza dell’ambiente, ai comportamenti delle persone e ad altri fattori esterni, come le malattie. Il team ha esaminato cinque misure epigenetiche relative all’invecchiamento.

Dai risultati è emerso che le persone con infezione da HIV mostravano una significativa accelerazione dell’età in ciascuno delle quattro misure epigenetiche, quantificata tra 1,9 e 4,8 anni, così come vi era un accorciamento dei telomeri da subito dopo l’infezione e fino a due o tre anni dopo, in assenza di terapia antiretrovirale altamente attiva.

“Il nostro studio sottolinea l’importanza della diagnosi precoce di infezione da HIV e della sensibilizzazione ai problemi correlati con l’invecchiamento, così come il valore della prevenzione dell’infezione”, conclude Elizabeth Crabb Breen.

Fonte: iScience 2022



06 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy