Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Hiv. Sarà il computer a dire come e perché un farmaco non funziona


Usata un’enorme mole di dati per creare un programma che simula come il virus dell'Aids contenuto nell’organismo reagisce ai farmaci somministrati. Ad oggi spiegato perché alcune terapie non funzionano, ma domani potrebbe dire molto di più. Lo studio su Nature Medicine.

03 SET - Raccogliendo dati da migliaia di test dell’attività antivirale di più di 20 tra i farmaci per il trattamento dell’Hiv alcuni ricercatori della Johns Hopkins University e di Harvard hanno sviluppato quella che – assicurano – è la prima simulazione al computer capace di spiegare gli effetti dei farmaci sull’organismo. Il lavoro che ne parla è stato pubblicato su Nature Medicine.
 
Al momento, il programma è capace di spiegare come e perché alcune terapie non funzionano anche se i pazienti cui sono somministrate non presentano altri segni di farmacoresistenza. “Con l’aiuto della simulazione, possiamo dire con una certa sicurezza il livello di soppressione virale di una sostanza, ovvero quanto è difficile per il virus replicarsi se viene somministrata una particolare medicina, a una data dose e con una data concentrazione”, ha spiegato Robert Siliciano, docente alla Johns Hopkins School of Medicine. “Siamo capaci anche di dire cosa cambia negli effetti del farmaco se un paziente per un motivo o per un altro salta una o più dosi”.

 
Ma in teoria, spiegano gli ideatori, il modello matematicopotrebbe essere usato anche per predire quanto un paziente risponderà ad un regime terapeutico specifico oppure per capire se e quanto un dato farmaco possa innescare un processo che porti allo sviluppo di ceppi di Hiv resistenti. Un’applicazione dello strumento potrebbe infatti essere scoprire quali sostanze possono essere messe insieme in un unico farmaco che possa essere sia efficace che privo di rischio di portare allo sviluppo di resistenza, anche in caso di un’aderenza alla terapia non perfetta.
 
Il prossimo passo è quello di espandere il modelloin modo da predire non solo come varieranno i livelli di virus nel sangue, ma anche come risponderanno altre parti del corpo: ad esempio i cervello, dove le concentrazioni di farmaco possono essere diverse da quelle misurate altrove.
 
Laura Berardi

03 settembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy