Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 APRILE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Psoriasi a placche. Iss: "Derivati vitamina D e corticosteroidi trattamenti più efficaci"

Lo ha evidenziato l'Istituto superiore di sanità nell'aggiornamento della Linea guida, illustrato oggi. Sono considerati sicuri anche i farmaci biotecnologici, ma la momento "non è possibile affermare se ve ne sia uno migliore di un altro". LE LINEE GUIDA

29 MAG - I derivati della vitamina D e i corticosteroidi sono i trattamenti topici più efficaci per la psoriasi a placche. Anche i farmaci biotecnologici sono sicuri ed efficaci, ma non è possibile affermare se ve ne sia uno migliore di un altro. Sono questi alcuni dei punti salienti con cui è stata aggiornata la Linea guida sul trattamento della psoriasi nell’adulto. Il documento, prodotto nell’ambito del Sistema nazionale linee guida (Lg), è un aggiornamento della Linea guida Sign n. 121, coordinato dall’Iss, in collaborazione con l’Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi) e con la partecipazione attiva di tutte le società scientifiche interessate all’argomento.

“Sono stati aggiornati soltanto i quesiti relativi al trattamento della psoriasi cronica a placche nell’adulto, escludendo quelli relativi alla diagnosi e all’artrite psoriaca – spiega Alfonso Mele, epidemiologo dell’Iss e responsabile delle Linee guida – Il nostro intento è quello di fornire un contributo, quanto più efficace possibile, affinché all’interno delle strutture dedicate alla gestione alla gestione clinica della psoriasi in Italia siano tracciati percorsi diagnostico-terapeutici tra loro omogenei”.


Come nella linea guida originaria, gli studi ulteriori hanno evidenziato che i derivati della vitamina D e i corticosteroidi sono i trattamenti topici più efficaci per la psoriasi a placche. Nei nuovi studi sono state anche analizzate nuove formulazioni di trattamenti topici e tra questi il gel contenente l’associazione precostituita di calcipotriolo e betametasone dipropionato ha mostrato la medesima efficacia delle formulazioni tradizionali, ma consente una maggiore aderenza al trattamento.

I dati osservati hanno mostrato un buon profilo di efficacia e sicurezza dei farmaci biotecnologici. Dai risultati emerge la necessità di inserire in un registro nazionale italiano tutti i pazienti che sono in trattamento con farmaci biotecnologici o che iniziano per la prima volta una terapia sistemica, al fine di valutarne l’efficacia e la sicurezza nel medio-lungo termine. Infine, mancano studi di confronto diretto tra farmaci biotecnologici e tra biotecnologici e sistemici tradizionali per poter valutare l’eventuale superiorità di uno rispetto a un altro, in termini di efficacia, sicurezza, accettabilità e compliance del paziente. 

29 maggio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy