Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sigarette elettroniche. Tirelli: "Con loro si fuma meno della metà"

Il direttore del dipartimento di oncologia medica dell’istituto Tumori di Aviano non condivide le posizioni espresse da Garattini e ritiene che "attendere i risultati a lungo termine delle sigarette elettroniche è assurdo in presenza di vantaggi immediati per i forti fumatori". 

05 GIU - Le sigarette elettroniche producono “un vantaggio evidente e immediato per l’impatto altamente positivo che possono avere sui forti fumatori che, per esempio, da trenta sigarette al giorno possono passare alla metà o ad un terzo delle sigarette proprio grazie all’utilizzo delle sigarette elettroniche sicuramente non cancerogene”. E’ quanto ha affermato Umberto Tirelli, direttore del dipartimento di oncologia medica dell’istituto Tumori di Aviano.

Tirelli ha poi attaccato le posizioni espresse da Silvio Garattini. “Attendere i risultati a lungo termine delle sigarette elettroniche è assurdo in presenza di vantaggi immediati per i forti fumatori che, se solo riducessero del 10-20% l’utilizzo delle sigarette cancerogene che fumano, ridurrebbero la mortalità di 8-16 mila morti l’anno sugli 80 mila che attualmente si verificano in correlazione con le sigarette tradizionali. Il fatto che con le sigarette elettroniche con nicotina non si smetta di fumare e si continui ad assumerenicotina è la stessa identica situazione che si verifica con i cerotti e i chewing gum alla nicotina”.


Per Tirelli è poi evidente il vantaggio determinato dalle sigarette elettroniche con nicotina rispetto agli altri dispositivi a base di nicotina. “La gestualità le rende molto più appetibili al forte fumatore e conseguentemente più efficaci per ridurre i danni sulla salute delle sigarette tradizionali. In conclusione, ritengo che vada incoraggiato l’utilizzo delle sigarette elettroniche con nicotina, anche se senza sarebbe meglio, per coloro che non riescono a smettere di fumare e sono tanti, come succede per esempio in Gran Bretagna”. 

05 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy