Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 24 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Farmaci generici. Rasi e Mandelli sul caso Teva: “Nessun pericolo”

Dopo la morte di un 90enne avvenuta in Francia giorni fa per la presenza di un sonnifero in una scatola di diuretici, il direttore dell’Ema e il presidente Fofi sono intervenuti per dare garanzie su questi prodotti. “È stato un problema di packaging, nulla che abbia a che fare con la sicurezza del farmaco”.

17 GIU - “Il caso dell’anziano deceduto in Francia riguarda un packaging sbagliato. Si tratta di un problema che avviene molto raramente. Non è una questione riguardante farmaci generici o non generici, è un problema globale di grande distribuzione. Pensiamo che nella sola Europa parliamo di circa 1 miliardo e 800mila confezioni l’anno: un errore non deve avvenire ma purtroppo, umanamente, può succedere a chiunque”. Così il direttore esecutivo dell’Ema, Guido Rasi, a margine del simposio Pgeu svoltosi questa mattina a Roma, ha commentato il caso della morte di un 90enne avvenuta in Francia nelle scorse settimane per la presenza di un sonnifero in una scatola di diuretici della Teva.

“Episodi come questo sono già avvenuti, per quel che riguarda la mia esperienza, circa 3-4 volte - ha proseguito Rasi - Ricordo ad esempio un caso drammatico di farmaci da infusione che venivano dalla Spagna, e non si trattava di prodotti generici. All’epoca riuscimmo a fermarli in tempo anche grazie all’efficienza dei Nas sul territorio italiano. Molti casi non si vengono a sapere perché si intercettano prima. Si tratta di un caso su un milione”. “Purtroppo può succedere, anche se, ovviamente, non dovrebbe. Questa volta grazie alla rete delle farmacie - ha concluso il direttore Ema - è stato intercettato con una certa velocità, visto che si trattava di un sintomo insidioso e non facilissimo da individuare”.


Anche il presidente della Fofi, Andrea Mandelli, è intervenuto sull’argomento per dare le sue rassicurazioni ai cittadini. “Il panico per questo caso è immotivato. Il farmaco generico è un prodotto sicuro, abbiamo l’Agenzia del farmaco che sorveglia affinché la qualità sia nei parametri previsti dalla legge, quindi l’approccio delle persone a questo prodotto deve essere di grande fiducia”. Per quanto poi riguarda il contributo che il farmacista può dare in tal senso, Mandelli ha sottolineato come “la mediazione del farmacista è in grado di indirizzare il paziente e di dargli tutti quei suggerimenti necessari anche in un’ottica di aderenza alla terapia. Resta dunque fondamentale il nostro ruolo, non solo come dispensatore di farmaci - ha concluso - ma anche come professionisti capaci di sostenere il paziente nell’assunzione quotidiana di medicinali”.
 
Giovanni Rodriquez
 

17 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy