Quotidiano on line
di informazione sanitaria
02 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Torino. Primo intervento in Italia con Sonowand


Funziona contemporaneamente da ecografo e da neurotrasmettitore. Una sorta di “bacchetta magica” che permette di azzerare il rischio di lasciare parte della lesione in situ e contemporaneamente di minimizzare i pericoli di danneggiare la parte sana del cervello che sta attorno. Il primo intervento alle Molinette.

25 LUG - Si chiama Sonowand (letteralmente “bacchetta magica ecografica”), ed è formato da un ecografo di ultimissima generazione e da un neuronavigatore, che funzionano in sinergia: questo il particolare strumento usato per la prima volta in Italia nella sala operatoria della Neurochirurgia universitaria dell'ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza di Torino. L’apparecchio è stato usato da Alessandro Ducati, che dirige il reparto, e Francesco Zenga, per un intervento di asportazione di malformazione artero venosa cerebrale, e promette di rappresentare un innovativo e rivoluzionario sistema di controllo intraoperatorio.
 
Lo strumento consente infatti di avere, in diretta intraoperatoria, il controllo della lesione e del tessuto sano circostante, mediante confronto con la Risonanza magnetica e con l’angiografia preoperatoria. I vantaggi consistono nell'azzerare i rischi di lasciare parte della lesione in situ e contemporaneamente di minimizzare i pericoli di danneggiare la parte sana del cervello che sta attorno, evitando il rischio di ulteriori reinterventi successivi. Nel caso delle malformazioni vascolari, questi pericoli sono particolarmente significativi, perché parte di esse possono nascondersi dietro tessuto apparentemente sano. Vedere dove si trovano questi residui, senza esplorare e danneggiare tutto il tessuto attorno, è un grandissimo vantaggio per il paziente. 
Nel caso specifico, si tratta di un ragazzo di diciotto anni di Torino, affetto da MAV (malformazione artero venosa) in sede parietale destra. L'intervento ha dato un risultato eccellente. Quindi si è evitato il pericolo di dover eseguire un secondo intervento per togliere la parte rimanente della malformazione. Vedere direttamente con l’ecografia navigata e confrontata con la RM tutta l’estensione del tumore ed i suoi rapporti con le strutture sane permette di migliorare molto la prognosi dei pazienti e di conseguenza la qualità della vita nel post intervento.

25 luglio 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy