Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Alzheimer. L’olio d’oliva previene quello senile


La scoperta dei ricercatori italiani dell’università di Firenze. L'olio extravergine di oliva sembrerebbe essere una vera e propria arma anti invecchiamento, utile nel trattamento preventivo dei danni neurologici legati all'età e al morbo di Alzheimer. Tutto merito dell’oleuropeina aglicone, il principale fenolo presente in esso.

05 SET - Per curare l’Alzheimer basta l’olio extravergine di oliva? Non è esattamente così, ma il famoso prodotto tipico dell’area e della dieta mediterranea potrebbe essere utile nel trattamento preventivo dei danni neurologici legati all'età e al morbo di Alzheimer senile. A dirlo è uno studio italiano, condotto da due gruppi di ricercatori dell'Università di Firenze guidati da Massimo Stefani del Dipartimento di Scienze Biomediche sperimentali e cliniche e da Fiorella Casamenti del Dipartimento NEUROFARBA. Le conclusioni, basate sui dati che derivano dai test su topi transgenici portatori delle alterazioni collegate con l'Alzheimer, sono stati pubblicati su PLoS One.
 
"I topi sono stati alimentati per due mesi con oleuropeina aglicone, il principale fenolo presente nell'olio extravergine di oliva”, ha spiegato Massimo Stefani. “Al termine del trattamento i topi hanno mostrato assenza del deficit cognitivo e comportamentale manifestato dai topi non trattati e, a livello istopatologico, riduzione dei depositi amiloidi nel parenchima cerebrale e della reazione neuroinfiammatoria, insieme a un marcato aumento della risposta autofagica, considerata protettiva nei confronti del danno cellulare da aggregati amiloidi, che caratterizzata il morbo di Alzheimer".
Lo studio, finanziato dalla Regione Toscana, segue e conferma una precedente ricerca - pubblicata sempre su PLoS One - condotta da Stefani in collaborazione con Mario Salmona dell'Istituto Mario Negri su animali meno complessi. I vermi C. elegans - appositamente manipolati per essere portatori di aggregati di beta amiloide nelle cellule dell'apparato muscolare - alimentati con oleuropeina aglicone hanno mostrato una marcata riduzione del deficit motorio e un significativo aumento della durata della vita rispetto a quelli alimentati normalmente. "Lo studio fornisce una base scientifica per i noti effetti anti invecchiamento della dieta mediterranea, aprendo la prospettiva dell'uso di questa sostanza contenuta nell'olio extravergine di oliva come nutraceutico - sottolinea Stefani - nel trattamento preventivo a lungo termine dei danni neurologici legati all'invecchiamento e in particolare al morbo di Alzheimer senile, una patologia di crescente diffusione per la quale non esiste ancora una terapia efficace e che pone gravi problemi sociali e di sostenibilità per i sistemi sanitari in tutto il mondo industrializzato". 

05 settembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy