Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 25 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tumore del polmone. Colpisce 39.000 italiani all’anno. Ma ora si combatte con terapie mirate


Nell'80% dei casi è correlato al fumo. Ma il carcinoma polmonare colpisce sempre più spesso anche i non fumatori. In aumento anche l'incidenza tra le donne. Ma oggi l’identificazione di anomalie geniche e l’arrivo di farmaci mirati efficaci segnano una svolta nelle prospettive di cura e di qualità di vita dei pazienti.

19 NOV - Identificate le sequenze di DNA difettoso, scovata con un test la mutazione specifica, non resta che “disegnare” in laboratorio il farmaco mirato, capace di colpire l’anomalia molecolare che fa impazzire le cellule, facendole moltiplicare all’infinito. Sono i tre passaggi chiave per lo sviluppo delle terapie target che, dopo aver cambiato lo scenario in molte aree dell’Oncologia, oggi stanno aprendo nuove prospettive anche nel trattamento del tumore del polmone, in particolare quello “non a piccole cellule” (NSCLC). Questa forma di tumore è la più diffusa al mondo: prima causa di decesso per tumore tra gli uomini, terza causa nella popolazione femminile; responsabile in Europa di 350.000 nuovi casi l’anno e di un milione di morti nel mondo. Solo in Italia si ammalano di cancro del polmone 39.000 persone l’anno, l’11% di tutte le diagnosi di tumore, che incidono per un quarto sulla popolazione femminile e per tre quarti su quella maschile. Nel corso della propria vita un uomo su 9 e una donna su 36 vanno incontro al rischio di sviluppare un tumore del polmone indipendentemente dai fattori di rischio.

Novembre è stato dichiarato dalla Global Lung Cancer Coalition “Mese di sensibilizzazione mondiale del tumore del polmone”, con l’obiettivo di far crescere l’informazione e la conoscenza di questa neoplasia i cui sintomi, subdoli, sono motivo di diagnosi tardiva e per la quale, nonostante il silenzio e i tabu, sono enormi i progressi compiuti dalla ricerca, grazie al contributo della medicina personalizzata e delle terapie a bersaglio molecolare, sulle quali hanno fatto oggi il punto a Roma alcuni dei principali esperti italiani.

“Nell’80% dei casi il tumore del polmone è correlato al fumo di sigaretta: un fumatore che consuma 20 sigarette al giorno per vent’anni ha un rischio del 2.000% di ammalarsi, mentre il fumo passivo aumenta questo rischio del 20-30%”, ha dichiarato Andrea Ardizzoni, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Il carcinoma polmonare è una malattia tipica dell’età avanzata: la diagnosi avviene di solito attorno ai 65-70 anni e a causa dell’invecchiamento della popolazione l’età alla diagnosi si sposta sempre più avanti negli anni. “Grazie alla legge Sirchia - afferma Ardizzoni - abbiamo assistito ad una flessione annua (-2%/annuo) dei tumori polmonari negli uomini, mentre i nuovi casi sono in aumento tra le donne. Un fenomeno emergente è la comparsa di tumori polmonari tra le persone che non hanno mai fumato”.

Da alcuni anni lo studio dell’assetto genico del cancro ha modificato radicalmente la classificazione dei tumori polmonari. È ormai superata la tradizionale distinzione tra carcinoma polmonare “a piccole cellule” e “a grandi cellule”: all’interno del carcinoma polmonare “non a piccole cellule” (NSCLC) vengono distinti tumori anaplastici, squamosi e non squamosi, questi ultimi chiamati adenocarcinomi. Tale distinzione è imprescindibile per identificare l’opzione terapeutica corretta, scelta sulla base delle informazioni istologiche e genetico-molecolari del singolo tumore.  

“L’adenocarcinoma rappresenta il 60-70% di tutti i tumori polmonari non a piccole cellule (NSCLC)”, spiega Lucio Crinò, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera di Perugia. “Nel 40% dei casi di adenocarcinoma non sono ancora state identificate mutazioni geniche specifiche, mentre in un 20-25% dei casi è presente la mutazione KRAS che è la più comune; il 10-15% di adenocarcinomi polmonari presenta la mutazione EGFR. Infine, esiste un altro 5-10% di adenocarcinomi con traslocazione del gene ALK che determina la produzione di una proteina attivante, una specifica tirosin-chinasi relativa all’oncogene ALK, che innesca la proliferazione cellulare”.

La scoperta dei diversi tipi di tumore polmonare “non a piccole cellule” ha permesso di compiere nell’ultimo decennio enormi progressi sul fronte dello sviluppo di nuove terapie che agiscono in modo mirato su specifiche mutazioni geniche. La molecola più recente è crizotinib, terapia mirata per il recettore ALK.

I benefici di questa molecola, sia nel prolungare la sopravvivenza libera da malattia sia nel migliorare la sintomatologia e la qualità di vita, sono talmente importanti che lo studio di fase I è stato considerato sufficiente per l’approvazione e registrazione del farmaco da parte dell’FDA. In Europa il farmaco è stato autorizzato dall’EMA a fine ottobre 2012 e, al momento, in Italia è disponibile attraverso i meccanismi previsti dalla legge 648.

La medicina personalizzata in Oncologia si appresta a “guidare” ogni singolo aspetto dell’assistenza al paziente: non solo la terapia, ma anche la diagnosi. Per arrivare a individuare la terapia corretta occorre, infatti, aver prima identificato l’alterazione genetica specifica attraverso il test molecolare per sapere se il farmaco potrà essere efficace in quel paziente. La sensibilizzazione dei medici e dei pazienti su questo aspetto è tra gli obiettivi del Mese della sensibilizzazione.

“Ogni volta che un paziente riceve la diagnosi di tumore polmonare, l’oncologo introduce la tematica dei markers biomolecolari e delle rispettive terapie mirate”, afferma Silvia Novello, Presidente WALCE Onlus (Women Against Lung Cancer in Europe) e Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino. “È importante che il paziente sappia che il test va eseguito quando effettivamente necessario, poiché per molte forme di tumore le probabilità che i test dei biomarcatori risultino positivi sono scarsissime”.

Oggi sul tumore del polmone si sa molto di più che in passato. L’approccio della medicina personalizzata sta aprendo nuove prospettive in uno scenario dove da tempo mancavano novità terapeutiche significative.
Eppure nonostante le conoscenze siano cresciute in maniera esponenziale, sui giornali si parla pochissimo di questa malattia. Molta la paura, tanti i tabu e l’emarginazione dei pazienti.

“ll fatto che il tumore del polmone sia il ‘grande assente’ nella comunicazione che i media dedicano all’Oncologia è un’evidenza dimostrata da più studi scientifici, che indicano univocamente come i report sul polmone rimangano ancora agli ultimi posti della comunicazione oncologica. Di tumore al polmone si parla pochissimo e quando se ne parla si tratta di articoli dedicati per lo più a fumo e prevenzione e non alla terapia”, fa notare Daniela Minerva, giornalista esperta di medicina del settimanale L’Espresso. “Il dato di fatto è che il tumore del polmone è un argomento tabu per i media, in primo luogo per il senso di paura che genera e in secondo luogo per lo stigma che colpisce i pazienti, ritenuti colpevoli della loro stessa malattia, l’unica forma di tumore associata a una causa certa, il fumo”. Ma l’aspetto decisivo per rompere il silenzio che sui media circonda tuttora il tumore del polmone è legato ai progressi della ricerca: da questo punto di vista, fanno certamente notizia le novità che arrivano sul fronte delle terapie mirate, con la possibilità di trattare per la prima volta anche tumori finora privi di una terapia specifica come quelli ALK positivi, cambiando la qualità di vita dei pazienti.

19 novembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy