Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tiroidectomia transascellare con il robot. Per la prima volta anche nel centro-sud

L’intervento realizzato al Policlinico Gemelli di Roma dall’équipe del prof. Rocco Bellantone. La chirurgia robotica con il da Vinci® è indicata per ora sono nelle patologie benigne della tiroide. In Italia, oltre al Gemelli, è praticata anche a Modena e Pisa.

22 GEN - E’ un nuovo traguardo della chirurgia della tiroide: l’intervento completamente invisibile, realizzato con il robot da Vinci® mediante approccio trans-ascellare. Ad effettuarlo è stata, lo scorso 17 gennaio, l’équipe di Chirurgia Endocrina e Metabolica del Policlinico ‘A. Gemelli’ di Roma, diretta dal professor Rocco Bellantone. La paziente, una donna di 37 anni affetta da gozzo multinodulare, è stata dimessa il giorno dopo in ottime condizioni.
 
La tecnica robotica per la tiroidectomia, messa a punto nella Corea del Sud dal dottor Woong Youn Chung, (Yonsei University College of Medicine, Seoul), sta avendo una buona diffusione anche nel mondo occidentale, dove da qualche anno si è andata affiancando alla chirurgia tradizionale, che prevede un’incisione alla base del collo (ideata un secolo fa dal dottor Emil Theodor Kocher) e alla tecnica mininvasiva endoscopica (MIVAT, Minimally Invasive Video Assisted Thyroidectomy), che produce una piccolissima cicatrice nella regione anteriore del collo.
 
“La tecnica mininvasiva endoscopica – spiega il professor Celestino Pio Lombardi, primario Chirurgia Endocrina Policlinico A. Gemelli – CIC – è ormai assolutamente consolidata e può essere eseguita nel 25-30% dei pazienti candidati a tiroidectomia, con risultati ottimali, sovrapponibili o anche migliori a quelli della chirurgia tradizionale open. Va riservata però ai casi in cui i noduli non superino i 30-35 mm. E’ una chirurgia molto dolce, che viene fatta con strumenti dedicati, con una telecamerina che consente di ingrandire i nervi ricorrenti e le paratiroidi. Il risultato estetico è eccellente perché l’incisione praticata è di appena 1,5-2 cm, che tende a vedersi sempre meno nell’arco dei mesi, fin quasi a scomparire. Può essere utilizzata anche per piccoli tumori.

 
“Nell’intervento robotico invece – prosegue il professor Lombardi - la regione del collo resta completamente indenne da cicatrici perché il chirurgo rimuove la ghiandola passando attraverso un’incisione di 7-8 cm praticata a livello del cavo ascellare; da qui vengono introdotte le ‘braccia’ del robot e la telecamera che permette una visione 3D ingrandita fino a 10 volte; gli strumenti vengono guidati in una sorta di ‘tunnel’ sotto la ghiandola mammaria e sopra il muscolo pettorale, fino a raggiungere la regione anteriore del collo, dove si trova la tiroide. L’intervento con il robot può durare fino a tre volte tanto un intervento in MIVAT o di chirurgia tradizionale. Al momento inoltre non è stato completamente risolto come visualizzare bene alcune strutture, quali il nervo ricorrente controlaterale rispetto all’approccio ascellare. L’unico vero vantaggio, almeno per ora,  è quello di non avere alcuna cicatrice sul collo ”
 
“La tiroidectomia robotica - sottolinea il professor Rocco Bellantone - è al momento indicata solo per il trattamento della patologia tiroidea nodulare benigna. Il suo impiego è in corso di validazione per il trattamento delle lesioni maligne, in pazienti a basso rischio”.
 
L’unica casistica numericamente importante di tiroidectomia con il robot da Vinci® è al momento quella coreana, ma l’intervento di tiroidectomia robotica si sta diffondendo anche negli Stati Uniti. In Italia, oltre che al Gemelli, viene effettuata nei centri di endocrinochirurgia di Modena e di Pisa.
 
Maria Rita Montebelli

22 gennaio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy