Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Gravidanza. L'aspirina non previene dalla possibilità di aborto

Lo rileva uno studio del Nation Institute of Health su un gruppo di donne con una storia di uno o due aborti precedenti. Tuttavia i ricercatori hanno ipotizzato che la terapia con aspirina potrebbe aumentare il tasso di concepimento aumentando il flusso sanguigno verso l'utero.

11 APR - Una bassa dose giornaliera di aspirina non sembra prevenire l’interruzione di gravidanza tra le donne con una storia di uno o due aborti precedenti. Tuttavia in un piccolo gruppo di donne che avevano avuto una singola recente interruzione di gravidanza, l'aspirina ha aumentato la probabilità di rimanere incinta e di riuscire a portare a termine la gravidanza con successo. Lo rileva un uno studio condotto dai ricercatori del National Institutes of Health (NIH) e pubblicato su The Lancet e rilanciato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).

“Molti operatori sanitari prescrivono una terapia che prevede un basso dosaggio di aspirina al le donne che hanno avuto un’interruzione della gravidanza (aborto spontaneo o un parto prematuro) e che vorrebbero rimanere incinte di nuovo. Tuttavia, l'efficacia di questo trattamento non è stata dimostrata”, si legge nella nota dell’NIH che presenta lo studio.

Nel trial, il più grande studio nel suo genere, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale a più di 1.000 donne con una storia di interruzione di gravidanza il trattamento quotidiano con l'aspirina a basse dosi o il placebo. Le donne che hanno partecipato allo studio iniziavano ad assumere l'equivalente di una aspirina a basso dosaggio (81 mg) ogni giorno durante il tentativo di concepimento. I ricercatori hanno riportato che, nel complesso, non vi era alcuna differenza nei tassi di interruzione di gravidanza tra i due gruppi.


"I nostri risultati indicano che l'aspirina non è efficace per ridurre le probabilità di interruzione di gravidanza nella maggior parte dei casi" ha detto il primo autore Enrique Schisterman, Ph.D., Direttore della Filiale di Epidemiologia al Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), l'istituto che ha condotto lo studio. Il Dr.Schisterman, ha aggiunto, tuttavia, che sarebbero necessarie ricerche supplementari per indagare l’evidenza per cui le donne che avevano avuto una singola, recente interruzione di gravidanza (prima dei  4 mesi e mezzo di gestazione entro l'anno precedente) hanno avuto un aumento del tasso di gravidanza e di parto durante la terapia con aspirina.

All’interno del gruppo, il 78 per cento delle donne che hanno assunto l'aspirina sono rimaste incinte, rispetto al 66 per cento di coloro che hanno ricevuto il placebo. In questo sottogruppo, il 62 per cento (tra quelle che avevano ricevuto l’aspirina) e il 53 per cento (di quelle che avevano preso il placebo) hanno partorito.

Gli autori dello studio hanno ipotizzato che la terapia con aspirina potrebbe aumentare il tasso di concepimento aumentando il flusso sanguigno verso l'utero. I ricercatori hanno chiesto ulteriori ricerche per determinare se la terapia con aspirina potrebbe essere utile per migliorare la fertilità in altri sottogruppi, come per le donne che non riescono a iniziare una gravidanza, perché l'embrione non riesce ad impiantarsi nell’utero.

I ricercatori hanno svolto il loro studio Effects of Aspirin in Gestation and Reproduction (EAGeR) presso quattro centri medici universitari nel corso di un periodo di cinque anni. Le donne che hanno partecipato alla sperimentazione avevano un’età compresa tra i 18 ei 40 anni ed erano prevalentemente bianche. Le partecipanti hanno assunto una dose giornaliera di aspirina unitamente all’acido folico oppure placebo più acido folico. L'acido folico è raccomandato per tutte le donne in età fertile, perché riduce il rischio di difetti del tubo neurale, e una classe di difetti alla nascita che possono influenzare il cervello e colonna vertebrale.

Le donne sono state seguite per un massimo di sei cicli mestruali mentre stavano cercando di rimanere incinta e durante la gravidanza, se rimaste incinta. Il trattamento con l’aspirina è stato interrotto a 36 settimane (circa otto mesi) di gestazione.

Sul numero totale delle donne nello studio, il 13 per cento delle donne che hanno preso l'aspirina e sono rimaste incinte in seguito hanno vissuto un'altra perdita, rispetto al 12 per cento che ha preso il placebo. Il  58 per cento delle donne che assumono aspirina e il 53 per cento di coloro che hanno ricevuto il placebo sono rimaste incinte e hanno portato a  termine la gravidanza con successo.

11 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy