Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Overdose da oppiodi. FDA approva farmaco auto-iniettante


Il naloxone si aggiunge ad altri farmaci per il trattamento dell’abuso di oppioidi, come la buprenorfina, che però non può essere auto-iniettata ed è destinata all'uso nel trattamento farmacologico assistito. Sono più di 16.000 i decessi ogni anno a causa di overdose da oppioidi.

14 APR - La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato naloxone auto-iniettante indicato per invertire l’overdose accidentale o intenzionale da oppioidi. A darne notizia è una nota dell’FDA rilanciata sul sito dell’Agenzia italiana del farmaco. La nota spiega che si tratta di “una singola iniezione, a dose fissa, che fornisce 0,4 mg di naloxone HCl per via via intramuscolare o sottocutanea e rientra tra gli strumenti in grado di contrastare nel modo più efficace gli effetti dell’overdose da oppioidi”. E precisa che “il naloxone auto-iniettante si aggiunge ad altri farmaci per il trattamento dell’abuso di oppioidi, come la buprenorfina, che però non può essere auto-iniettata e è destinata all'uso nel trattamento farmacologico assistito”.

L’FDA mette in guardia, inoltre, dal rischio per la salute pubblica derivante dal cattivo uso, dall’abuso, dalla dipendenza o dall’overdose da oppioidi ed evidenzia la necessità di agire per contrastare questi fenomeni, garantendo al contempo la continuità di accesso a farmaci efficaci e appropriati contro il dolore. “I dati più recenti – spiega il Commissario FDA, Margaret A. Hamburg – rivelano che sono più di 16.000 i decessi ogni anno a causa di overdose da oppioidi. In realtà, l’overdose da farmaco, in gran parte farmaci con ricetta, oggi è la causa principale di morte accidentale negli Stati Uniti, superando persino gli incidenti automobilistici. L’uso illegale, improprio e l'abuso di oppioidi da prescrizione – precisa Hamburg – sono spesso alimentati da prescrizioni inappropriate, smaltimento improprio di farmaci inutilizzati o attività illegali”.


Per contribuire ad affrontare l'abuso della prescrizione di oppioidi e incoraggiare lo sviluppo di nuovi trattamenti farmacologici per il dolore l’FDA ha messo in campo una serie di azioni che comprendono, tra le altre, la revisione delle indicazioni e delle avvertenze di sicurezza relative agli oppioidi a rilascio prolungato e a lunga durata d'azione; la richiesta ai produttori di condurre studi sulla sicurezza dell’impiego a lungo termine di oppioidi da prescrizione; la raccomandazione per le restrizioni d’uso di prodotti combinati contenenti idrocodone. L’FDA sottolinea inoltre l’importanza dello sviluppo di “nuovi farmaci non-oppioidi, privi o con minor rischio di abuso, per il trattamento del dolore”.

14 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy