Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 04 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Osteoporosi. Bove (Aila): “In crescita le fratture vertebrali, aumentiamo la vitamina D negli alimenti”

La richiesta è stata inviata al ministro Lorenzin dalla Fondazione per la lotta contro l’artrosi e l’osteoporosi. Occorre Istituire la Giornata Italiana contro l'osteoporosi per risparmiare sofferenze e costi. Solo con strategie di prevenzione si possono abbattere i costi della malattia fino a 1 mld di euro l’anno.

16 APR - L’indebolimento della struttura ossea “porta a situazioni catastrofiche: il  fenomeno a cui assistiamo è l’aumento delle fratture vertebrali, veri e propri crolli delle vertebre che determinano inabilità. Immaginate un palazzo di sette piani che crolla e pensate alla sofferenza, anche per le casse dello Stato. Se andiamo a indagare, i fratturati mostrano livelli insufficienti di vitamina D, scarsa negli alimenti e contenuta nei raggi solari, quelli a cui gli anziani, ad esempio, si espongono col contagocce. Per questo chiediamo al Ministro della salute di aggiungere vitamina D negli alimenti e di riportarne la quantità contenuta sulle confezioni. Una strategia di prevenzione che non spetta alle case farmaceutiche ma alla sanità di Stato e che andrebbe a ridurre quel miliardo di euro l’anno che ci costano i danni dell’Osteoporosi”.
 
È quanto ha dichiarato Francesco Bove, presidente della Fondazione Aila per la lotta contro l’artrosi e l’osteoporosi e componente del Consiglio Superiore di Sanità, sul palco del teatro Quirino, dove si è svolta la 13esima edizione del Premio Aila-Progetto Donna.

 
“Come componente del gruppo di lavoro consultivo medico-scientifico creato dal ministro della Salute – ha detto Bove –  ho chiesto alla Lorenzin di investire il Parlamento per istituire al più presto la Giornata italiana contro l’Osteoporosi, una proposta non più derogabile e a costo zero: proprio in funzione degli alti costi socio-sanitari legati all’osteoporosi, le misure di prevenzione diventerebbero vere misure di risparmio per il Paese. D’altronde – continua Bove – già il commissario Carlo Cottarelli nel 2011, incaricato di procedere con la spending review nel comparto pubblico, invitò a puntare di più sulla prevenzione e sulla promozione di migliori stili di vita, ad esempio con campagne contro fumo e abuso di alcol, o comunicazione sullo sport”.
 
In un video-messaggio di saluto, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha ringraziato l’Aila ricordando “quanto sia importante prevenire, obiettivo non solo italiano ma di tutta l’Unione Europea, e far comprendere l’importanza della diagnosi  precoce, per la vita di tutti noi”.

16 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy