Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

L’acido folico fa i bebè intelligenti


Uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association mostra come la supplementazione di folati e altri micronutrienti in gravidanza influenzi positivamente lo sviluppo del sistema nervoso centrale.

22 DIC - I bambini le cui madri hanno assunto acido folico e altri micronutrienti durante la gravidanza sono più intelligenti, più organizzati e hanno migliori abilità fini motorie.È quanto rilevato da uno studio condotto in un’area rurale del Nepal e pubblicato sul Journal of the American Medical Association.
“La carenza di micronutrienti è una criticità importante per le donne in gravidanza e per i bambini in tutto il mondo. Il periodo gestazionale e quello immediatamente dopo la nascita sono considerati periodi sensibili per lo sviluppo del cervello e la carenza nutrizionale in questa fase può produrre un deficit funzionale”, hanno spiegato i ricercatori della Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health nello studio. A oggi, hanno aggiunto, “pochi studi hanno valutato se la supplementazione di ferro e zinco durante la gravidanza, un periodo critico per lo sviluppo del sistema nervoso centrale, ha effetti nel lungo termine nei bambini”.Per questo il team ha sottoposto a specifici esami circa 700 bambini tra i 7 e i 9 anni le cui madri avevano partecipato a una sperimentazione clinica che prevedeva proprio l’impiego di acido folico e altre supplementazioni (come la vitamina A) nel corso della gravidanza.

Che si trattasse di abilità intellettive (memoria, capacità logiche) o motorie (destrezza della mano o equilibrio), quasi tutti i parametri misurati sono risultati migliori nei bambini “supplementati” rispetto al gruppo di controllo.“Questi risultati parlano a un’ampia fascia delle persone che vivono in quelle parti del mondo in cui la carenza di ferro e acido folico è molto comune”, ha commentato una delle autrici dello studio. Secondo l’Oms, la carenza di ferro che è il più comune disordine nutrizionale, colpisce 2 miliardi di persone nel mondo. Nei paesi in via di sviluppo è anemica una donna incinta su due così come il 40 per cento dei bambini in età prescolare.

22 dicembre 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy