Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 04 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Morti in culla: c’è un picco il primo dell’anno


Numero di decessi più alti di un terzo a Capodanno secondo uno studio pubblicato su Addiction. Per i ricercatori potrebbe essere colpa della distrazione dei genitori connessa ai “bagordi” della notte di Capodanno.

22 DIC - Per i genitori che si preparano a festeggiare il Capodanno, arriva un avvertimento. Nella notte dei cenoni e dei veglioni, prestate particolare attenzione ai vostri bambini: è proprio nella prima notte dell’anno che si registra infatti un picco di casi di sindrome della morte improvvisa del lattante, la cosiddetta morte in culla.A lanciare l’allarme è uno studio pubblicato su Addiction, che ha passato in rassegna i casi di morte in culla verificatisi negli Stati Uniti tra il 1963 e il 2006. Circa 130 mila.
Dall’analisi dei dati è emerso che nel primo giorno dell’anno si verifica un numero di casi di circa un terzo più alto rispetto alle attese.
La ragione non è chiara, ma i ricercatori puntano il dito sui bagordi della notte di Capodanno che porterebbero i genitori a essere meno attenti ai propri piccoli. E l’alcol, in particolare, potrebbe giocare un ruolo di primo piano.
“Gli adulti sotto l’effetto dell’alcol sono meno capaci di proteggere la salute dei propri bambini”, ha commentato David Phillips, uno degli autori dello studio. “Avviene la stessa cosa con la morte in culla: sono meno capaci di proteggere i loro bambini da essa”. Per questo, ha proseguito, “sembra che l’alcol sia un fattore di rischio”. Tuttavia, ha avvertito, “ci sono sufficienti evidenze per approfondire l’argomento, ma non per fare di ogni genitore di un bambino "morto in culla" un sospettato”. 

22 dicembre 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy