Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Pomodori contro il cancro della prostata

Il consumo di dieci porzioni di pomodori a settimana, riduce del 18 per cento il rischio di cancro della prostata. Lo dimostra una ricerca inglese, finanziata dal National Institute for Health Research

29 AGO - Il cancro della prostata è uno di quei tumori con tassi di prevalenza nettamente superiori nei Paesi occidentali, rispetto alle nazioni in via di sviluppo; si ritiene che questo dipenda, almeno in parte, dallo stile di vita e dalla dieta ‘occidentale’.
 
Per valutare l’impatto di una serie di raccomandazioni alimentari e di stile di vita sul rischio di tumore della prostata, un gruppo di ricercatori delle Università di Bristol, Cambridge e Oxford è andato ad analizzare la dieta e lo stile di vita di 1.806 uomini di età compresa tra i 50 e i 69 anni, ai quali era stato diagnosticato un cancro della prostata, confrontandoli con quelli di oltre 12 mila maschi di pari età, in buona salute.
 
Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention e finanziato dal National Institute for Health Research(NIHR) inglese, è il primo ad aver messo a punto un ‘indice dietetico’ anti-cancro della prostata, che comprende selenio, calcio e cibi ricchi di licopene. I risultati della ricerca indicano che gli uomini con un’assunzione ottimale di questi componenti dietetici, corrono un minor rischio di ammalarsi di cancro della prostata.

 
Sarebbero in particolare i pomodori,  consumati in insalata o come succo o come salsa (ad esempio nei baked beans), a proteggere da questa forma tumorale; in particolare, le persone che ne consumano oltre dieci porzioni a settimana, vedono ridursi del 18% il loro rischio di cancro della prostata. Questo effetto benefico del pomodoro viene attribuito dagli autori al licopene, un antiossidante contenuto nel pomodoro, che ha un’azione protettiva sul DNA cellulare.
 
Secondo i ricercatori inglesi, il consumo di pomodori potrebbe dunque essere importante nella prevenzione del tumore della prostata ed auspicano che da questo studio, i risultati del quale andranno comunque confermati da trial condotti ad hoc nell’uomo, scaturiscano delle raccomandazioni dietetiche mirate contro il cancro della prostata.
 
Maria Rita Montebelli

29 agosto 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy