Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 GENNNAIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Speciale ESMO. Il pertuzumab rivoluziona la prognosi del cancro della mammella HER-2 positivo

Il follow up a lungo termine dello studio CLEOPATRA dimostra che l’aggiunta di pertuzumab aumenta di ben16 mesi la sopravvivenza rispetto al solo trattamento con trastuzumab e chemioterapia, nelle donne con tumore della mammella metastatico HER-2 positivo

28 SET - L’aggiunta del nuovo anticorpo monoclonale pertuzumab, al trattamento tradizionale con trastuzumab e chemioterapia, regala 16 mesi di sopravvivenza in più alle donne con tumore della mammella metastatico HER-2 positivo. Risultati ‘senza precedenti’ li hanno definiti gli autori dello studio CLEOPATRA, nel presentarli in questi giorni a Madrid agli oncologi di tutto il mondo.
 
Lo studio di fase III CLEOPATRA ha valutato l’efficacia e la safety del pertuzumab, in aggiunta allo schema tradizionale di terapia (trastuzumab e chemioterapia) su 808 donne con carcinoma della mammella metastatico HER-2 positivo, non trattate in precedenza. I tumori HER-2 positivi sono una delle forme più aggressive di tumore della mammella.
 
“In questo studio – spiega Sandra Swain del Washington Hospital Center (USA), primo autore del CLEOPATRA – siamo andati a valutare se il doppio blocco dell’HER-2, ottenuto associando i due anticorpi trastuzumab e pertuzumab alla chemioterapia, potesse determinare un miglioramento della sopravvivenza (OS, overall survival) o della sopravvivenza libera da malattia (PFS, progression free survival)”.

 
I risultati del follow up a lungo termine di questo studio, presentati all’ESMO, hanno appunto dimostrato che le pazienti trattate con i due anticorpi presentavano una sopravvivenza di 15,7 mesi maggiore rispetto a quelle trattate con lo schema tradizionale (trastuzumab-chemioterapia), portando così la sopravvivenza mediana a 56,5 mesi, contro i 40,8 mesi dei controlli. L’analisi del follow up di CLEOPATRA conferma inoltre la safety cardiaca a lungo termine del pertuzumab.
 
“L’aumento di sopravvivenza di 16 mesi che abbiamo riscontrato nel nostro studio – afferma la Swain – non ha precedenti in nessun altro studio sul cancro della mammella metastatico. Sono risultati che avranno un enorme impatto sui pazienti e sulle loro famiglie”.
 
“E’ uno dei più importanti passi in avanti mai realizzati nello sforzo di cronicizzare questa malattia – commenta Javier Cortes, Direttore del Breast Cancer Program presso l’Istituto di Oncologia Vall D’Hebron di Barcellona – e ancor più sorprendente è il fatto che il dato di sopravvivenza supera quello di PFS, forse per il diverso meccanismo di azione dei due anticorpi monoclonali. Visti i risultati di questo studio, dovremmo considerare questa associazione il nuovo standard di cura per questa malattia. Questi incredibili dati di sopravvivenza, presentati all’ESMO 2014 aiuteranno noi medici a continuare il nostro lavoro, i pazienti a lottare contro questa malattia e la società tutta a comprendere che è possibile pensare ad un futuro nel quale la gente non morirà più di tumore. I prossimi passi consisteranno nello studiare i meccanismi di resistenza a questa associazione, per migliorarne l’attività terapeutica e per cercare di individuare quali pazienti non avranno bisogno della chemioterapia.”
 
Maria Rita Montebelli

28 settembre 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy