Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 SETTEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fascite plantare. Dagli USA un trattamento risolutivo con gli ultrasuoni

Sotto guida ecografica si utilizza l’energia degli ultrasuoni per penetrare, emulsionare e rimuovere il tessuto fasciale malato. Consentendo al tessuto sano di rigenerare, restaurando la funzione della fascia. Successo nel 90% dei casi. Con un netto miglioramento dei sintomi di questa non grave ma dolorosissima patologia del piede

02 MAR - Pur non essendo una patologia grave, la fascite plantare, di certo è una seccatura non da poco che può diventare invalidante. L’infiammazione di quella fascia di tessuto simile a un tendine che attraversa tutta la pianta del piede, dal tallone alla base delle dita, è una di quelle condizioni che mettono letteralmente a terra. Il dolore tipico della fascite plantare, caratterizzato da una fitta dolorosa al tallone (come una ’pugnalata’), si avverte in genere al mattino, non appena si scende dal letto o quando ci si alza dopo essere restati a lungo seduti. Dopo un po’ diventa un dolore sordo, ma sempre presente, pronto a ripresentarsi con le caratteristiche della stilettata, quando ci si rimette in piedi.
 
Colpisce soprattutto le donne e può comparire dopo un allenamento intenso, di quelli che sollecitano molto tallone e tessuti limitrofi, come l’aerobica o la corsa; particolarmente a rischio è la stagione che precede l’estate, quando sono in molti ad esagerare con gli allenamenti, nell’intento di rimediare alla pigrizia e ai ‘cuscinetti’ messi su con l’inverno. A rischio anche chi, magari per lavoro (insegnanti, dentisti, ecc), passa molto tempo in piedi. E naturalmente nella top ten dei fattori di rischio, non possono mancare le scarpe sbagliate, dai tacchi vertiginosi, alle sneaker che non ammortizzano i colpi a livello del tallone.

E’ la più frequente patologia invalidante del piede e colpisce circa il 10 per cento della popolazione americana, generando oltre 1 milione di visite ogni anno.
 
Ma dagli Stati Uniti, dove è in corso in questi giorni il congresso della Society of Interventional Radiology's Annual Scientific Meeting, arriva una buona notizia. Un gruppo di ricercatori ha messo a punto una nuova tecnica di radiologia interventistica. Il trattamento, che viene condotto sotto guida ecografica, consiste nell’utilizzare l’energia degli ultrasuoni per penetrare, emulsionare e rimuovere il tessuto fasciale malato. L’eliminazione delle parti malate, consente al tessuto sano di rigenerare, prendendo il posto del vecchio e restaurando così la funzione della fascia.
 
Nello studio* presentato al congresso dei radiologi interventisti sono stati arruolati, a partire dall’agosto 2013, un centinaio di pazienti affetti da fasciopatia plantare cronica refrattaria, che avevano tutti fallito la risposta a farmaci, fisioterapia e supporti dell’arco plantare. Tutti i pazienti presentavano in dolore tale da interferire con le attività della vita quotidiana, valutato attraverso il Foot and Ankle Disability Index (FADI). Lo stesso criterio di valutazione veniva considerato a distanza di due e settimane dal trattamento, poi a distanza di 6 mesi.
 
Già due settimane dopo il trattamento con gli ultrasuoni, il 90% dei pazienti riferiva un netto miglioramento dei sintomi, che si manteneva a sei mesi. Non sono state riportate complicanze correlate al trattamento.
 
“La fascite plantare è una condizione estremamente frequente – ricorda uno degli autori dello studio, Rahul Razdan, radiologo interventista presso l’Advanced Medical Imaging di Lincoln (Nebraska, Usa) – e decisamente invalidante. Le opzioni di trattamento tradizionali sono molto limitate, dagli antidolorifici, alla terapia fisica. Ma si tratta di palliativi, non di soluzioni permanenti. Per questo sono così importanti i risultati del nostro studio; i pazienti affetti da fascite plantare da oggi hanno una vera possibilità di trattamento. Alcuni dei soggetti trattati avevano una forma così grave di fascite da impedir loro di stare in piedi, per giocare con i figli o portare fuori il cane. Il trattamento con gli ultrasuoni, ha restituito loro la gioia di vivere.”
 
Maria Rita Montebelli
 
*Abstract 78, “Percutaneous ultrasonic fasciotomy: Anovel approach to treat chronic plantar fasciitis,” R. Razdan, E. VanderWoude, Radiology, Advanced Medical Imaging, Lincoln, Neb.

02 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy