Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro metastatico colon retto. Un farmaco sperimentale allunga la sopravvivenza di due mesi

Il farmaco sperimentale TAS 102 ha allungato il tempo di sopravvivenza di 1,8 mesi in pazienti con patologia refrattaria alle cure.

14 MAG - (Reuters Health) – Il trial RECOURSE, un test di fase 3 sul TAS-102 (Taiho Pharma), ha mostrato che questo farmaco sperimentale contro il cancro del colon retto è in grado di allungare il tempo medio di sopravvivenza a 7,1 mesi, rispetto ai 5,3 mesi con il placebo. Questo ulteriore 1,8 mese riflette un 32% di riduzione di mortalità, hanno spiegato i ricercatori, che l’hanno definito come un notevole passo in avanti (p<0.001). Lo studio è stato pubblicato oggi dal New England Journal of Medicine.

I risultati, che hanno coinvolto 800 pazienti con patologia refrattaria alle cure, sono stati riferiti per la prima volta al Congresso dell’European Society for Medical Oncology (ESMO) a giugno 2014. Il team di ricerca, guidato da Robert Mayer del Dana-Farber Cancer Institute di Boston (USA), ha anche riportato che il tempo medio di peggioramento dell’efficacia era di 5,7 mesi con il farmaco e di 4,0 senza (p<0.001). Al farmaco è stato associato solo un caso di morte. Tra gli effetti collaterali che si verificano a partire dal grado 3, è stata riscontrata neutropenia nel 38% di tutti i pazienti sottoposti a terapia, leucopenia nel 21% e anemia nel 18%.Il nuovo farmaco è una combinazione di trifluridina, analogo del nucleoside, e di tipiracil cloridrato, inibitore della timidina-fosforilasi.


Per il prossimo mese di dicembre è attesa una decisione della Food And Drug Administration in merito all’approvazione del nuovo farmaco. Allo studio sono stati ammessi volontari che avevano fallito almeno due regimi standard di chemioterapia. A ciascun paziente che riceveva il placebo, corrispondevano due che assumevano il farmaco. La percentuale di sopravvivenza è stata valutata dopo la morte di 574 partecipanti. "In generale, i tassi di sopravvivenza dopo un anno si attestavano rispettivamente al 18% e al 27%” hanno dichiarato i ricercatori. “Complessivamente, il beneficio di TAS-2 in termini di sopravvivenza è stato osservato praticamente in tutti i sottogruppi pre-specificati, compresi quelli definiti in base a ciascuno dei tre fattori di stratificazione (cioè status di KRAS, tempo fra la diagnosi iniziale di metastasi, la randomizzazione e regione geografica).

FONTE: New England Journal of Medicine 2015

Redazione Reuters
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)


14 maggio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy