Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Urologia. Il 26 e 27 settembre congresso a Siracusa sulla neoplasia vescicale

l meeting nasce per riunificare a Siracusa, in un unico evento formativo, le più nuove esperienze di ricerca, diagnosi e trattamento della neoplasia vescicale non muscolo infiltrante. L'incontro è rivolto in particolare a medici chirurghi appartenenti alle specializzazioni di Urologia ed Oncologia.

24 SET - Sabato 26 e domenica 27 settembre si terrà nella sala conferenze della Camera di Commercio di Siracusa un congresso di Urologia dedicato alla neoplasia vescicale non muscolo infiltrante organizzato dall’Unità operativa complessa di Urologia dell’ospedale Umberto I di Siracusa diretta da Bartolomeo Lentini.Il meeting, dal titolo “Non muscle invasive bladder cancer: what’s new?” nasce per riunificare a Siracusa, in un unico evento formativo, le più nuove esperienze di ricerca, diagnosi e trattamento della neoplasia vescicale non muscolo infiltrante. L'incontro è rivolto in particolare a medici chirurghi appartenenti alle specializzazioni di Urologia ed Oncologia.
 
I lavori saranno aperti alle ore 9 di sabato 26 settembre dal saluto del direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta e dal delegato della Società italiana di Urologia Sicilia Carlo Magno e introdotti dal presidente del congresso Bartolomeo Lentini.
 
“La neoplasia vescicale non muscolo infiltrante – spiega Bartolomeo Lentini – è un’ampia realtà con la quale l’Urologia siracusana si confronta giornalmente. Numeri considerevoli, per quanto riguarda prevalenza ed incidenza. Nel 2013, su mille ricoveri ordinari effettuati nel reparto di Urologia dell’ospedale Umberto I di Siracusa, circa 350 sono ascrivibili alla patologia neoplastica vescicale e sue complicanze, sia nuovi casi, sia recidive o progressioni in corso di follow-up. Dato fondamentale per comprendere tali numeri è la presenza ambientale in loco di un SIN, il triangolo Augusta-Priolo_Melilli, che configura una aumentata esposizione ai fattori di rischio per insorgenza della neoplasia vescicale. La diagnosi ed il trattamento della forma non muscolo infiltrante, la più comune, segue ormai degli standard italiani ed europei tramite linee guida che indicano come ottimizzare il percorso del paziente affetto, in relazione alla sua “storia di malattia”. La ricerca e la tecnologia hanno proposto ed avviato l’utilizzo di nuove tecniche diagnostiche e di trattamento nell’intento di migliorare la gestione della malattia in termini di efficacia, sicurezza e diminuzione dell’invasività delle procedure”. 

24 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy