Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Appendicite complicata: inutili gli antibiotici nel post-operatorio?

La tesi degli autori è che non serva dare di default antibiotici a tutti i pazienti operati per un’appendicite perforata o cancrenosa, che sono un terzo di tutti gli interventi di appendicectomia. Quelli non trattati con antibiotici vanno ugualmente bene e stanno in ospedale in media un giorno di meno. Un dato da verificare, ma che fa riflettere.

26 OTT - E’ una delle emergenze chirurgiche più comuni e nelle sue forme complicate i medici non esitano a trattare di routine il paziente con antibiotici nel post-operatorio. Ma adesso un nuovo studio pubblicato su American Journal of Surgery, suggerisce che l’impiego di antibiotici nei soggetti operati di appendicectomia complicata non riduce affatto le complicanze infettive nel post-operatorio. Non solo. I pazienti trattati con antibiotici dopo l’intervento, tendono a rimanere in ospedale in media un giorno di più rispetto a quelli non sottoposti ad antibioticoterapia.
 
Lo studio, coordinato da LA BioMed (Los Angeles Biomedical Research Institute) e da Olive View-UCLA Medical Center, ha preso in esame l’andamento nell’arco di 5 anni di 410 pazienti adulti, trattati per appendicite complicata (perforata o cancrenosa). A  274 di questi pazienti (66,8%) sono stati somministrati antibiotici nel post-operatorio, ai restanti pazienti, no. Il confronto degli esiti dei due gruppi di pazienti non evidenzia differenze significative in termini di complicanze della ferita chirurgica; i 274 pazienti trattati con gli antibiotici però avevano delle degenze più protratte, in media di un giorno, rispetto agli altri.

 
“Il nostro studio – commenta uno degli autori, Dennis Y. Kim di LA BioMed – suggerisce che l’impiego di antibiotici potrebbe non essere strettamente necessario dopo un intervento per un appendicite complicata. Va ricordato inoltre che la somministrazione di antibiotici non è del tutto priva di rischi, né di complicanze e naturalmente ha un costo”. I risultati di questa ricerca vanno confermati da altri studi ma intanto i ricercatori californiani suggeriscono a medici e chirurghi di farne materia di riflessione e di essere più selettivi nel decidere a chi somministrare antibiotici e a che no, senza somministrarli a tutti di routine.
 
“All’università – prosegue Kim – ci insegnano a somministrare antibiotici a tutti i pazienti con appendicite complicata per ridurre il rischio di un’infezione della ferita chirurgica o di un’infezione intra-addominale. Ma è arrivato il momento di riconsiderare il ruolo degli antibiotici anche in altre comuni emergenze chirurgiche; di certo il nostro studio dimostra che almeno nel caso delle appendiciti complicate, la prassi di somministrare a tutti antibiotici va ripensata”.
Il rischio di presentare un’appendicite nel corso della vita secondo alcune stime va dal 6 al 20% e nei soli Stati Uniti si effettuano ogni anno 250 mila interventi di appendicectomia; un terzo di questi sono per appendicite complicata.
 
Maria Rita Montebelli

26 ottobre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy