Quotidiano on line
di informazione sanitaria
15 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro della prostata. Dalla Svezia test di ultima generazione da affiancare al discusso PSA

Il test STHLM3 consente di rivelare con precisione la presenza di un tumore maligno, anche dove il PSA non è a livelli d’allarme, ma soprattutto ridimensiona pesantemente il numero dei falsi allarmi. Questo consente di ridurre del 30% il numero di biopsie prostatiche. Un enorme vantaggio per il paziente e per le casse dello Stato. Il test sarà disponibile in Svezia a partire dal marzo 2016

12 NOV - A breve potrebbe rendersi disponibile un rivoluzionario test per il cancro della prostata, molto più sensibile del PSA nell’individuare forme aggressive di tumore. Il test è stato validato nell’ambito di una vasta ricerca su 58.818 uomini, condotta dal Karolinska Institutet di Stoccolma e pubblicata su Lancet Oncology.
 
Il cancro della prostata è la seconda forma di tumore più frequente tra gli uomini (1-2 milioni di casi l’anno), in tutto il mondo; le proiezioni inoltre evidenziano un trend in crescita, che porterà ad una media di 2 milioni il numero dei casi per anno, nell’arco dei prossimi vent’anni. Al momento il test di più ampio uso per lo screening di questo tumore è il PSA, non risparmiato da critiche, anche feroci, negli ultimi anni.
 
“Il PSA – spiega Henrik Grönberg, Professore di Epidemiologia Oncologica al Karolinska Institutet – non è in grado di distinguere tra tumori benigni e forme aggressive. Oggi i pazienti affetti da forme tumorali che non necessitano trattamento, corrono dunque il rischio di andare incontro a cicli di trattamento inutili, dolorosi e a volte pericolosi. Ma c’è anche un altro aspetto. Al test del PSA possono sfuggire diverse forme tumorali molto aggressive. Muovendo da queste constatazioni abbiamo deciso di studiare un test più preciso, che potenzialmente potrebbe rimpiazzare il PSA”.

 
Il test STHLM3 si esegue su un prelievo di sangue che analizza una combinazione di sei marcatori proteici e oltre 200 marcatori genetici, confrontandoli con i dati clinici del paziente (età, familiarità e precedenti biopsie prostatiche) . Il test e’ stato messo a punto dai ricercatori del Karolinska, in collaborazione con la Thermo Fisher Scientific.
 
Lo studio di validazione, pubblicato su Lancet Oncology,  ha interessato circa 59 mila uomini di Stoccolma di età compresa tra i 50 e i 69 anni ed è stato condotto tra il 2012 e il 2014. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti al test del PSA e a quello del STHLM3, per metterne a confronto le performance.
I risultati dimostrano che l’STHLM3 ha consentito di ridurre del 30% il numero delle biopsie, senza per questo mettere a repentaglio la sicurezza del paziente. La grande sensibilità e specificità del nuovo test ha inoltre consentito di individuare lesioni maligne anche in pazienti con PSA basso (1-3 ng/ml).
 
“Si tratta di risultati molto promettenti – commenta Grönberg – Questo test ha le potenzialità di portare ad un duplice risparmio: economico per il servizio sanitario e di evitare procedure inutili e dolorose al paziente”.
 
Il test sarà disponibile in Svezia a partire dal marzo prossimo. Nel frattempo i ricercatori svedesi del Karolinska continueranno a validarlo in diverse popolazioni ed etnie.
 
“Sebbene questo non sia il primo studio sull’uso di un test aggiuntivo per selezionare i pazienti con elevati valori di PSA da avviare alla biopsia – scrivono in un editoriale di commento Alastair Lamb dell’Università di Cambridge e Ola Bratt dell’Università di Lund (Svezia) – quella appena pubblicato è di gran lunga lo studio più ampio sull’argomento e l’unico sia prospettico, che di popolazione. Gli autori dello studio hanno compiuto uno sforzo incredibile per creare le infrastrutture necessarie, dall’invito dei partecipanti, al prendersi cura dei pazienti nei quali veniva diagnosticato un tumore”.
Gli editorialisti definiscono tuttavia solo ‘promettente’ questo test che individua come ‘tumori’ anche forme dal Gleason score pari a 6, ritenute in genere indolenti. Un altro dubbio sollevato dagli editorialisti è quello sulla reale utilità di tutti i componenti utilizzati nel test. Altri test sperimentali infatti, come quelli basati sulle callicreine (lo score a quattro callicreine e il Prostate Health Index) aumentano la specificità dell’individuazione di un tumore della prostata con il PSA in maniera quasi altrettanto efficace del test STHLM3 e potrebbero dunque avere una migliore costo-efficacia. Tuttavia gli editorialisti riconoscono che il test svedese rappresenta una svolta e segna l’avvio di nuovo cammino. Quello di screening di nuova generazione per il cancro della prostata basati sulla stratificazione del rischio, sulla messa a punto di algoritmi discreening  differenziati in base al rischio e su test sequenziali che conducano ad una selezione dei pazienti da sottoporre a biopsia.
 
Maria Rita Montebelli

12 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy