Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GIUGNO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ma cosa sta succedendo all’Aifa? Basta indugi e indiscrezioni. Governo dica come stanno le cose

di C.F.

Guerra tra bande ai vertici con conseguenti futuri colpi di scena a base di dossier e provvedimenti vari? Effettive irregolarità amministrative nell’operato dei vertici e chissà, anche di altri componenti delle varie commissioni? Oppure c’è ancora di più e quello che è emerso è solo la punta di un iceberg oscuro e con diramazioni sotterranee ben più rilevanti? Il Paese deve sapere

02 DIC - Ma cosa sta succedendo all’Aifa? La domanda non è forse di importanza fondamentale per le sorti della nazione ma certamente tra gli addetti ai lavori è la domanda del giorno da quando è esploso il caso Pecorelli (presunto conflitto di interessi e sospensione dall’incarico di Presidente), seguito a ruota da quello Pani (richiesta di 700mila euro da parte del Collegio dei revisori dell’Agenzia che il Dg avrebbe riscosso sforando il tetto dei compensi per i dirigenti della PA, se si sommano il compenso di Dg e gli emolumenti che lo stesso Pani percepisce dall'Ema per la sua consulenza).
 
Due piccole bombe per l’immagine dell’Agenzia italiana del farmaco, sulle quali iniziano a fioccare le più fantasiose (o veritiere, chi lo sa) indiscrezioni.
 
Guerra tra bande ai vertici con conseguenti futuri colpi di scena a base di dossier e provvedimenti vari? Effettive irregolarità amministrative nell’operato dei vertici e chissà, anche di altri componenti delle varie commissioni? Oppure c’è ancora di più e quello che è emerso è solo la punta di un iceberg oscuro e con diramazioni sotterranee ben più rilevanti?
 
Non lo sappiamo e non vogliamo saperlo in questo modo. Forse non c’è nulla di più di quello che abbiamo raccontato sinora oppure la questione è effettivamente più complessa.
 
Ma a questo punto è bene che le circostanze, i fatti emersi e quelli eventualmente ancora nascosti, siano subito portati alla luce del sole. E a farlo non può che essere che il Governo tramite il ministro della Salute e quello dell’Economia in qualità di soggetti “vigilanti” sull’Agenzia.
 
Il comparto del farmaco e i suoi enti regolatori sono stati già oggetto in Italia di gravi situazioni di accertata illegalità (Farmacopoli nei primi anni ’90, quando l’Aifa ancora non esisteva) e poi di sospetti e accuse altrettanto gravi alla fine del 2008 con il rinvio a giudizio e relative dimissioni dell’allora DG Aifa Nello Martini (poi assolto poco più di un mese fa da tutte le accuse senza che sulla sua vicenda si sia però poi fatta piena luce in sede politica e nella stessa Agenzia).
 
Anche all’epoca della vicenda Martini, come oggi per quella che coinvolge Pecorelli e Pani, fioccarono ipotesi e retroscena attorno all’Aifa, a conferma di un clima e una cultura imperante in quell’ambiente fatti di troppi segreti e silenzi che rischia di ripercuotersi (almeno nell’immaginario) anche sulla stessa gestione dei processi decisionali, tanto da sollevare diversi dubbi con reiterate richieste di chiarimenti in Parlamento (vedi in ultimo la recente risoluzione dei Cinque Stelle sulla gestione delle trattative per i prezzi dei nuovi farmaci contro l’epatite C).
 
Adesso basta. Si esca da questo clima di congiura e sospetti. Il Governo pretenda dall’Agenzia la massima trasparenza su quanto sta accadendo e ne riferisca al più presto al Paese nelle sedi opportune.
 
Noi da parte nostra ci tiriamo fuori dalla logica dei retroscena e dei si dice, restando ovviamente pronti a dare notizie certe e verificate qualora emergessero da qui all’auspicato chiarimento del Governo.
 
Cesare Fassari

02 dicembre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy