Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 GIUGNO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Influenza. Da ottobre a oggi colpiti 764mila italiani. Il virus ancora a livelli di base. Ma gli esperti prevedono prossima escalation

In tutte le Regioni l’incidenza è sotto la soglia tranne Piemonte, PA di Trento, Lazio, Campania, Sardegna e Basilicata. Merito anche del clima e delle temperature elevate registrate fino a Capodanno. Ma adesso, con l'arrivo del freddo e del ritorno al lavoro e a scuola, ci dobbiamo aspettare una rapida crescita dei casi. IL REPORT DELLA 53ª SETTIMANA

08 GEN - Nella settimana a cavallo di fine anno, quella dal 28 dicembre al 3 gennaio, il sistema di sorveglianza Influnet dell’Istituto superiore di sanità ha stimato in 746mila i casi di influenza verificatesi in Italia da ottobre, di cui 100mila registrati proprio in quest'ultima settimana di rilevazione del 2015.
 
L’attività dei virus influenzali è comunque ancora ai livelli di base, anche se il livello di incidenza è salito a 1,64 casi per mille assistiti.
 
Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è stata pari a 5,59 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni a 2,04 nella fascia 15-64 anni a 1,68 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 0,65 casi per mille assistiti.

In tutte le Regioni l’incidenza permane sotto la soglia epidemica tranne in Piemonte, nella P.A. di Trento, nel Lazio, in Campania, in Sardegna e in Basilicata.
 
Le soglie per la stagione in corso sono: 2,36 casi per mille assistiti (livello basale), 6,47 (intensità bassa), 12,78 (intensità media), 17,27 (intensità alta), oltre 17,27 (intensità molto alta).

 
L’attività dei virus influenzali – sottolinea il bollettino Influnet - è ai livelli di base e, nelle ultime due settimane, il valore dell’incidenza, è inferiore a quello raggiunto in molte delle precedenti stagioni influenzali.
 
Per Fabrizio Pregliasco, virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano, ciò è conseguenza delle “calde temperature sopra la media stagionale che ci hanno accompagnato fino a Natale e che hanno contribuito a limitare il numero dei casi dell’influenza”.
 
Ma per il virologo milanese le temperature rigide di questo inizio d’anno e il ritorno al lavoro e a scuola renderanno più facile la circolazione del virus influenzale.
Ed è probabile un picco nelle prossime settimane di cui – avverte Pregliasco – “ne faranno le spese le categorie più a rischio se non vaccinate”.

08 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy