Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 MAGGIO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epidemie. Dal colera allo Zika virus. Ecco le 5 malattie da tenere d’occhio nel 2016 secondo MSF

Colera, malaria, morbillo, meningite e un gruppo di malattie spesso trascurate, diffuse da virus e parassiti. Queste secondo Medici Senza Frontiere le malattie che potrebbero potenzialmente trasformarsi in epidemie nel corso del 2016. “Insieme alle misure di prevenzione, devono essere fornite le risorse per costruire sistemi di risposta alle emergenze efficaci”.

26 GEN - L’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) mette in evidenza cinque malattie che rappresentano una sempre maggiore minaccia alla salute delle persone e che potrebbero potenzialmente trasformarsi in epidemie nel corso del 2016: colera, malaria, morbillo, meningite e un gruppo di malattie spesso trascurate, diffuse da virus e parassiti. Le attuali strategie per prevenire gravi epidemie hanno avuto finora un successo limitato. Le epidemie continuano a verificarsi, spesso con conseguenze devastanti per alcuni paesi meno sviluppati. Le epidemie mettono a dura prova i sistemi sanitari nazionali, esauriscono le risorse disponibili e, in molti casi, uccidono un gran numero di persone.

“Sappiamo che migliaia di vite saranno a rischio quest’anno, nonostante esistano i mezzi per prevenire queste morti - spiega Monica Rull, consulente operativa per la salute di MSF -. Epidemie di colera, malaria, morbillo e meningite accadono ogni anno, invalidando e uccidendo molte persone, e questo si deve fermare. Allo stesso tempo, la minaccia posta da malattie emergenti e riemergenti causate da virus e parassiti, come le arbovirosi (Dengue e Zika), l'Ebola e la Leishmaniosi viscerale (Kala Azar), devono essere combattute”.


Insieme alle misure di prevenzione, devono essere fornite le risorse per costruire sistemi di risposta alle emergenze efficaci. Per MSF questo deve far parte di un più ampio sforzo per aiutare i paesi a rafforzare le loro infrastrutture e competenze sanitarie e a diffondere l'educazione sanitaria presso le comunità locali. Sistemi di allerta rapidi devono essere accompagnati, una volta che la malattia inizia a diffondersi, da attività di risposta celeri attraverso cure mediche gratuite e di qualità fornite a tutte le persone colpite.

MSF sottolinea che il primo passo per la sicurezza sanitaria globale è la sicurezza sanitaria individuale, anche per le persone più malate e vulnerabili. “Le attuali strategie di risposta alle epidemie non riescono ad aiutare proprio le persone per le quali sono progettate - conclude Rull -. Se non ci impegniamo per attuare dei cambiamenti significativi, saremo condannati a ripetere gli errori del passato, e dovremo assumerci la responsabilità delle conseguenze”.
 

26 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy