Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GIUGNO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Virus Zika. Più sorveglianza e informazioni. Ecco le raccomandazioni del Comitato d’Emergenza Oms

Più sorveglianza e informazioni per i cittadini, soprattutto donne in gravidanza e in età fertile. Ma non solo, rafforzare la ricerca per studiare l’eventuale legame tra il virus e i casi di microcefalia e studiare nuovi vaccini in sinergia. Ecco il parere del Comitato di esperti sulla cui base il direttore Margaret Chan ha dichiarato ieri l’emergenza sanitaria internazionale.

02 FEB - Rafforzare la sorveglianza a livello internazionale, potenziare la ricerca sui legami tra il virus e la microcefalia nei neonati, più comunicazione nei paesi più colpiti e misure aggressive. In ogni caso non ci sono restrizione sui viaggi e sugli scambi commerciali anche se si raccomanda di prendere precauzioni contro le zanzare. Queste alcune raccomandazioni contenute nel parere del Comitato di esperti Oms e approvate dal direttore Margaret Chan che ieri ha elevato il virus Zika ad Emergenza internazionale.

“Il Comitato – ha dichiarato Chan - ha consigliato che i recenti casi di microcefalia e altri disturbi neurologici riportati in Brasile, a seguito di un gruppo simile in Polinesia Francese nel 2014, costituisce un "evento straordinario" e una minaccia per la salute pubblica in altre parti del mondo. A loro avviso, è necessaria una risposta internazionale coordinata per ridurre al minimo la minaccia in paesi colpiti e ridurre il rischio di ulteriore diffusione internazionale. I membri del Comitato hanno convenuto che la situazione soddisfa le condizioni per una emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale”.

Il direttore Oms afferma poi di aver “accettato questo consiglio” dichiarando l’Emergenza Sanitaria pubblica di rilevanza internazionale.

“È necessaria una risposta internazionale coordinata – sottolinea - per migliorare la sorveglianza, l'individuazione di infezioni, malformazioni congenite e complicanze neurologiche. Occorre intensificare il controllo delle popolazioni di zanzare e accelerare lo sviluppo di test diagnostici e vaccini per proteggere le persone a rischio, soprattutto durante la gravidanza. Il Comitato ha trovato alcuna giustificazione di sanità pubblica per le restrizioni sui viaggi e gli scambi per prevenire la diffusione del virus Zika. E allo stato attuale, le più importanti misure di salvaguardia, riguardano il controllo delle popolazioni di zanzare e la prevenzione dalle punture di zanzare in soggetti a rischio, soprattutto le donne in stato di gravidanza”.

Ecco le raccomandazioni del Comitato:
Microcefalia e virus Zika
 - La sorveglianza su casi di microcefalia e GBS dovrebbero essere standardizzati e rafforzati, in particolare nelle zone di nota trasmissione del virus Zika e delle aree a rischio trasmissione.
- La ricerca l'eziologia di nuovi legami con disturbi neurologici e di microcefalia dovrebbero essere intensificati per stabilire se vi sia un nesso causale con il virus Zika e / o con altri fattori o co-fattori.
- Poiché si sono verificati questi casi in zone recentemente infettate dal virus Zika, e in linea con le buone pratiche di salute pubblica e la mancanza di un'altra spiegazione per questi cluster, il Comitato sottolinea l'importanza di porre in atto misure aggressive per ridurre l'infezione da virus Zika, in particolare tra le donne in gravidanza e quelle in età fertile.
 
Le misure precauzionali
- Rafforzare la sorveglianza per l'infezione, attraverso la diffusione di definizioni di caso standard e della diagnostica per le zone a rischio.
- Sviluppo di nuovi strumenti diagnostici per favorire misure di sorveglianza e di controllo.
- Potenziare la comunicazione del rischio nei paesi colpiti per rispondere alle preoccupazioni della popolazione, migliorare l'impegno della comunità, migliorare il reporting e garantire l'applicazione di delle misure di controllo e di protezione
- L'attenzione dovrebbe essere data a garantire donne in età fertile e le donne in gravidanza soprattutto avere le informazioni e i materiali necessari per ridurre il rischio da esposizione.
- Le donne in gravidanza che sono state esposte al virus Zika devono essere informate e seguite sulla base delle migliori informazioni disponibili.

Misure a lungo termine
- Intensificare le attività di ricerca e sviluppo per i vaccini virali Zika, terapie e strumenti diagnostici.
- Nelle aree colpite i servizi sanitari dovrebbero essere preparati per i potenziali aumenti di sindromi neurologiche e / o malformazioni congenite.

Misure di viaggio
- Non ci sono restrizioni sui viaggi e gli scambi con i paesi, aree e / o territori con la trasmissione del virus Zika.
- I viaggiatori dirette nelle aree colpite dovrebbero ricevere aggiornamenti sui consigli, sui potenziali rischi e sulle misure appropriate per ridurre la possibilità di esposizione alle punture di zanzara.
- Piena attuazione delle raccomandazioni dell'OMS in materia di disinfestazione standard di aerei e gli aeroporti.

Condivisione dei dati
- Le autorità nazionali devono garantire la segnalazione e la condivisione di informazioni in modo rapido e tempestivo.
- Studi virologici e epidemiologici basati su dati clinici relativi ai tassi di aumento di microcefalia e / o GBS, e la trasmissione del virus Zika, devono essere rapidamente condivisi con l'OMS per facilitare la comprensione internazionale dei questi eventi, per orientare il sostegno internazionale per gli sforzi di controllo, e di dare la priorità ulteriormente ricerca e sviluppo del prodotto.

02 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy