Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 03 DICEMBRE 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Depressione maggiore. Terapia cognitivo-comportamentale valida alternativa al trattamento farmacologico

L’American College of Physicians (ACP) raccomanda la terapia cognitivo-comportamentale come valida alternativa agli antidepressivi di seconda generazione nel trattamento dei pazienti con disturbo depressivo maggiore.

09 FEB - (Reuters Health) - Alla luce dei risultati di una revisione sistematica con meta-analisi, l'American College of Physicians (ACP) raccomanda ai medici di considerare l’opzione tra la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e gli antidepressivi di seconda generazione (SGA) per i pazienti con disturbo depressivo maggiore. "L'evidenza attuale mostra che sia la terapia cognitivo-comportamentale che l’uso di antidepressivi di seconda generazione hanno un’efficacia simile, ma i pazienti in terapia con questi ultimi sono suscettibili a maggiori effetti collaterali - ha osservato Amir Qaseem dell’American College of Physicians di Philadelphia -. Tradizionalmente gli antidepressivi di seconda generazione sono spesso prescritti come trattamento iniziale del disturbo depressivo maggiore, ma la terapia cognitivo-comportamentale dovrebbe essere fortemente considerata come trattamento alternativo. Il problema è che la CBT potrebbe non essere disponibile in tutto il mondo".
 
La revisione con metanalisi di 45 studi clinici
In una revisione sistematica con metanalisi, condotta sui risultati di 45 studi clinici, Gerald Gartlehner e colleghi, della Danube University (Krems, Austria) , hanno confrontato i benefici e i rischi degli antidepressivi, dei trattamenti complementari e della psicoterapia, per il trattamento della depressione maggiore. Gartlehner ha dichiarato in proposito: "È importante dare ai pazienti una scelta alternativa alle loro preferenze. I trattamenti psicologici richiedono un maggiore coinvolgimento del paziente, cosicché alcuni pazienti preferiscono gli antidepressivi, altri non gradiscono gli effetti collaterali degli antidepressivi e saranno più favorevoli ai trattamenti psicologici. I medici devono discutere i pro e i contro di entrambe le opzioni terapeutiche con i loro pazienti e quindi cercare di raggiungere una decisione informata".


Gerald Gartlehner e colleghi non hanno trovato alcuna differenza statisticamente significativa in termini di efficacia tra i trattamenti con antidepressivi di seconda generazione e la maggior parte degli altri trattamenti per i pazienti ambulatoriali adulti con lieve o grave disturbo depressivo maggiore. In particolare, i tassi di remissione e di risposta erano simili al confronto antidepressivi di seconda generazione vs terapia cognitivo-comportamentale, SGA vs St. John's wort (Iperico) e al confronto tra SGA vs esercizio fisico.

Invece, i risultati si sono rivelati inconcludenti per il confronto SGA vs agopuntura, SGA vs acidi grassi omega-3 e SGA vs S-adenosil -L-metionina (SAMe). I tassi della frequenza di eventi avversi e i tassi di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi, sono stati generalmente più alti con gli antidepressivi di seconda generazione rispetto agli altri trattamenti. La forza delle prove per questi risultati è stata generalmente bassa, con l'eccezione del confronto SGA vs CBT, dove la forza delle prove è stata valutata come moderata, secondo il report pubblicato su Annals of Internal Medicine on line. "Se un paziente preferisce fortemente una di queste opzioni, una scelta ragionevole tra le varie preferenze è possibile, anche se la forza dell'evidenza è più debole", ha detto il dottor Gartlehner.

Fonte: Annals of Internal Medicine online, 9 febbraio 2016

Will Boggs MD

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

09 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy