Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 LUGLIO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Celiachia. Più biopsie per diagnosi certa

Secondo alcuni ricercatori statunitensi e inglesi, nella celiachia, ulteriori prelievi bioptici da qualsiasi sito duodenale, oltre a quello nel bulbo duodenale (D1) generalmente utilizzato per la prima diagnosi , migliorano la diagnosi convenzionale e aiutano a diagnosticare le forme di celiachia sporadiche e di brevissima durata.

18 FEB - (Reuters Staff) - Secondo uno studio pubblicato su Gastroenterology, condotto da Peter D. Mooney del Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, la celiachia è generalmente sottodiagnosticata e il bulbo duodenale (D1) potrebbe rappresentare essere l'unico sito dove si rileva l’atrofia dei villi, specie nella celiaca di nuova diagnosi. Tuttavia, questo approccio non è ancora pienamente accettato anche perché i dati in proposito sono limitati. 
 
Lo studio pubblicato
Per approfondire la questione i ricercatori hanno studiato più di 1.300 pazienti, sottoposti ad endoscopia, procedendo ai prelievi duodenali di routine nel bulbo duodenale e nella seconda parte del duodeno (D2). In totale, 268 pazienti (19,4%) sono stati diagnosticati con malattia celiaca e 171 sono stati sottoposti a biopsia quadratica in D1. Di questi, 65 pazienti (38%) sono stati diagnosticati con la malattia celiaca.

Tra i partecipanti, 26 pazienti mostravano atrofia dei villi confinata in D1 e sono stati diagnosticati come disturbi ossessivo compulsivi. Di questi, sette mostravano biopsie D2 del tutto normali. “Un prelievo bioptico da qualsiasi sito oltre a quelli in D1 - sottolineano i ricercatori - ha aumentato la sensibilità di rilevazione della malattia celiaca di circa il 10%. I pazienti con celiachia sporadica e di brevissima durata (USCD) erano significativamente più giovani, avevano bassi titoli di anticorpi anti-transglutaminasi tissutale, e meno frequentemente presentavano diarrea. Il gruppo con la celiachia classica mostravano probabilità significativamente più elevate di avere un deficit di ferritina o di folato rispetto al gruppo USCD o ai controlli. Tutti i pazienti con diagnosi di USCD e la malattia celiaca classica hanno ricevuto una consulenza specialistica dietetica. Mediamente dopo circa 15,5 mesi, non vi era alcuna differenza significativa tra la mediana dei punteggi dei sintomi di miglioramento tra i pazienti con celiachia classica e quelli con USCD e neppure sulla dieta priva di glutine".

 
Fonte: Gastroenterology 2016

David Douglas

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

18 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy