Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 GENNNAIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bambini. Se nati pre-termine, aumenta il rischio di problemi a scuola

I bambini nati prematuri tendono ad avere problemi a livello emotivo e comportamentale, che perdurerebbero anche quando entrano a scuola, fino a un anno dopo. A dimostrarlo è stato uno studio coordinato da Jorijn Hornman dell’Università di Groninga, in Olanda,e pubblicato su Pediatrics.

24 APR - (Reuters Health) - “Già ricerche precedenti avevano dimostrato che i bambini nati pretermine erano a maggior rischio di sviluppare problemi di attenzione, iperattività, ansia e depressione o problemi sociali. -hanno detto gli autori dello studio – Noi abbiamo osservato che nei bambini nati prematuramente i problemi restano anche quando entrano a scuola, all’età di quattro e cinque anni, rispetto ai bambini nati alle normali settimane di gestazione, e che questi problemi sono persistenti”. Un’evidenza, quest’ultima, che, secondo gli autori, non era mai stata dimostrata prima.
 
Lo studio
I ricercatori hanno preso in considerazione i dati di uno studio olandese su bambini nati tra il 2002 e il 2003. L’analisi ha incluso 401 bambini nati tra la 25a e la 31a settimana di gravidanza e 653 nati tra la 32a e la 35a settimana. I restanti 389 bambini, invece, erano nati nei termini. All’età di quattro e cinque anni, i bambini sono stati sottoposti a test per valutare eventuali problemi a livello emotivo e comportamentale.

In totale, più del 7% dei bambini nati prima della scadenza aveva problemi emotivi o comportamentali, rispetto al 4% tra i bimbi nati nei tempi giusti. I ricercatori hanno trovato la stessa differenza anche considerando i problemi che sorgevano intorno ai quattro anni e si risolvevano ai cinque. Inoltre, i bimbi prematuri, nati prima della 32a settimana, avevano avuto la maggiore persistenza dei problemi.


Situazioni in cui i problemi non erano presenti a quattro anni ed erano emersi a cinque, erano invece meno frequenti e riguardavano il 4% dei bambini nati precoci e il 2% di quelli nati nei termini. Più precocemente era nato un bambino, comunque, e più probabilmente soffriva di problemi a livello emotivo e comportamentale.

I commenti
“La persistenza di un problema indica di solito che si tratta di una situazione cronica e questa, come dimostrato in altre ricerche, potrebbe perdurare anche in adolescenza”, ha dichiarato Dieter Wolke, professore di Psicologia dello Sviluppo e Differenze Individuali al Waewick Medical School, in Inghilterra, non coinvolto nello studio.

“Il cervello si sviluppa molto velocemente nelle ultime settimane di gravidanza, specialmente la riorganizzazione e la differenziazione delle nuove reti di neuroni – ha spiegato Hornman – La nascita prematura potrebbe alterare questa fase e potrebbe aumentare il rischio di soffrire a lungo di problemi a livello emotivo e comportamentale. Secondo l’esperta, questi problemi potrebbero avere un impatto importante sul rendimento scolastico e sulla socializzazione con gli altri bambini".
 
“Anche se non ci sono evidenze della persistenza di questi problemi in età adulta”, ha sottolineato. La diagnosi precoce, il supporto alle famiglie e il rivolgersi presto a uno specialista possono aiutare i bambini nati prematuri a cominciare al meglio la scuola. “Questa ricerca potrebbe aiutare a a capire quale bambino nato pretermine può essere più a rischio di avere problemi emotivi e comportamentali – ha spiegato Hornman – la buona notizia, comunque, è che il 90% dei bambini nati prima della 31a settimana e l’80% di quelli nati tra la 32a e la 35a, sono senza problemi, all’età di quattro o cinque anni”.
 
Fonte: Pediatrics 2016
 
Kathryn Doyle
 
(Versione italiana Quotidinao Sanità/Popular Science)

24 aprile 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy