Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Gravidanza. Se mamme assumono anti-TNF, meglio vaccinare i bimbi dopo l’anno di età

Nuovi risultati mostrano che, negli organismi di bambini nati da madri che hanno assunto agenti anti-fattore di necrosi tumorale (anti-TNF) durante la gravidanza, si riscontrano tracce di tali farmaci fino un anno di età. “Pertanto, questi neonati non dovrebbero ricevere vaccini vivi durante il loro primo anno di vita,” hanno scritto  sulla rivista Gastroenterology Mette Julsgaard dell’ Aarhus University Hospital, in Danimarca, e i suoi colleghi.

16 MAG - (Reuters Health) - “Molte donne affette da malattia infiammatoria intestinale (IBD) necessitano di un trattamento con farmaci anti-TNF durante la gravidanza”, hanno osservato Mette Julsgaard dell’ Aarhus University Hospital, in Danimarca, e i suoi colleghi autori, aggiungendo che anche se gli studi finora non hanno legato l’esposizione in utero a outcome neonatali avversi, ci sono pochi dati su come i neonati eliminano il farmaco e sulla possibilità che l’esposizione possa influenzare lo sviluppo infantile.

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato 80 coppie di madri-bambini danesi, australiane e neozelandesi. 36 madri avevano ricevuto adalimumab durante la gravidanza, 44 infliximab e a 39 erano state somministrate anche tiopurine.

La durata media del trattamento con anti-TNF era di 2.5 anni. Le donne sotto terapia con adalimumab avevano ricevuto l’ultima dose in gravidanza in media alla trentacinquesima settimana di gestazione, mentre l’ultima dose di infliximab era stata somministrata alla trentesima settimana. 38 donne hanno avuto un nuovo episodio di malattia durante la gravidanza, mentre 42 hanno mantenuto la remissione.


Le concentrazioni di agenti anti-TNF nel sangue del cordone ombelicale erano più elevate rispetto a quelle materne, con un rapporto medio tra la concentrazione nel neonato e quella nella madre al momento della nascita di 1.21 per adalimumab e 1.97 per infliximab. Sia le concentrazioni nelle madri che nel sangue dei cordoni ombelicali erano inversamente correlate al tempo trascorso dall’ultima esposizione.

I risultati
Otto dei bambini esposti ad adalimumab (22%) non mostravano livelli individuabili del farmaco nel sangue del loro cordone ombelicale, mentre infliximab è stato trovato in tutti i bambini esposti. Il tempo medio di eliminazione era di 4 mesi con adalimumab e di 7.3 con infliximab. In un neonato sono state individuate tracce del farmaco ai dodici mesi, eliminate ai quindici mesi.

Quattro bambini hanno sviluppato infezioni batteriche durante il loro primo anno di vita, mentre 16 hanno avuto infezioni virali, ma tutte hanno avuto un decorso benigno. Il rischio relativo di ciascuna infezione era di 2.7 per bimbi nati da madri che avevano ricevuto sia il farmaco anti-TNF che la tiopurina, rispetto a quelle trattate solo con sostanze anti-TNF.

I commenti
“È rassicurante che tutte le infezioni dei piccoli abbiano avuto un decorso benigno. Tuttavia, nelle donne in gravidanza la terapia combinata dovrebbe essere attentamente compensata tra il rischio di attività della malattia durante i nove mesi (se la tiopurina viene sospesa) e quindi un maggior rischio di outcome avversi come il parto prematuro e i bambini nati piccoli per la loro età gestazionale, e un rischio più elevato di infezione nella prole se si continua la terapa combinata”, ha detto Mette Julsgaard. “Quindi, le donne in gravidanza che assumono una terapia combinata dovrebbero ricevere un’accurata assistenza”.

“Il rischio dei vaccini vivi per bambini nati da madri sotto terapia con agenti anti-TNF probabilmente è più importante del beneficio”, ha aggiunto la ricercatrice. “Tuttavia, al compimento di un anno di età, i bambini esposti in utero a anti-TNF-alfa possono ricevere vaccini vivi come quello per il morbillo, la parotite, la rosolia e la varicella per essere protetti da malattie potenzialmente gravi”.

Fonte: Gastroenterology, online 8 aprile 2016

Anne Harding

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

16 maggio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy