Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 12 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dopo le festività picco di ricoveri per scompenso cardiaco

I cardiologi avvertono che i sintomi dello scompenso cardiaco possono peggiorare nel giro di uno-due giorni dopo aver mangiato cibi molto salati. Un consiglio ai pazienti è quello di leggere con attenzione le etichette degli alimenti e tenere traccia di quanto sale mangiano ogni giorno magari facendosi aiutare da qualcuno.

20 GIU - Puntuali si ripresentano le festività annuali e puntualmente durante i giorni di festa diminuisce il numero dei ricoverati per scompenso cardiaco per lievitare subito dopo. Lo conferma uno studio condotto da ricercatori americani.
 
“La gente – ha affermato Maria Mountis, cardiologa della Cleveland Clinic in Ohio – per non rovinarsi i programmi delle vacanze o perché pensa che gli studi medici sono chiusi nei periodi di festa, evita di andare in ospedale durante le feste ovviamente il ritardo nel trattamento peggiora la situazione e i risultati”.
 
Ma come mai si osserva un picco di ospedalizzazioni dopo che la festa è passata? “La colpa è dell’alimentazione troppo ricca di sale, della sedentarietà e dello stress dovuto agli spostamenti, fattori che possono contribuire all’aumento dei ricoveri qualche giorno dopo la fine delle festività - ha detto Mahek Shah del Valley Hospital Network Lehigh in Pennsylvania – a causa dell’aumento del peso corporeo e dell’accumulo di liquidi che sono alla base dei sintomi dell’insufficienza cardiaca e la peggiorano”.

 
Il dottor Shah e il suo team hanno esaminato i dati di 22.727 pazienti ricoverati all’Einstein Medical Center di Philadephia per scompenso cardiaco tra il 2003 e il 2013, la maggior parte dei quali di sesso femminile, afro-americani e di età media attorno ai 68 anni, con comorbilità oltre allo scompenso tra cui ipertensione, diabete, ipercolesterolemia e malattie coronariche. I ricercatori li hanno divisi in tre gruppi a seconda della data di ricovero: durante la vacanza, entro quattro giorni dalla festa o in altri giorni del mese; le festività considerate sono state il giorno di Natale, il Ringraziamento, l’Indipendence Day, il giorno di Capodanno o il Super Bowl o la domenica. Durante gli anni il numero medio di pazienti ricoverati per scompenso cardiaco è passato da 3,8 al giorno per l’Indipendenza, a 5,6 al giorno nei giorni immediatamente successivi, mentre per il resto del mese il numero medio di ricoveri era 5 al giorno. Ogni anno sono stati ricoverati il giorno di Natale 3,6 pazienti, mentre nei quattro giorni successivi il numero è salito a 6,5 al giorno, nel resto del mese di dicembre il numero medio dei ricoveri per scompenso cardiaco è stato di 5,5. Dati sovrapponibili per le altre festività.
 
“Alle persone con insufficienza cardiaca, l’American Heart Association raccomanda di mangiare da 1.500 a 2.000 milligrammi di sale al giorno – ha sottolineato la dottoressa Mountis – un solo hot dog potrebbe contenerne fino a 1.000 milligrammi, quindi è importante mangiare con moderazione”. Un consiglio ai pazienti è quello di leggere con attenzione le etichette degli alimenti e tenere traccia di quanto sale mangiano ogni giorno magari facendosi aiutare da qualcuno. “Non si può negare alla gente di godersi una festa – ha concluso Mountis – ma questi pazienti dovrebbero essere più cauti e tenere sotto controllo l’assunzione di cibo in vacanza o durante un’occasione speciale”. 
 
Fonte: Clin Res Cardiol 2016
 
Linda Thrasybule   

20 giugno 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy