Quotidiano on line
di informazione sanitaria
15 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Binge-eating. Efficaci antidepressivi e terapia cognitivo-comportamentale

Le persone con episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata possono essere aiutate con la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) o con i farmaci. È quanto emerge da una nuova revisione di studi precedenti.

02 LUG - (Reuters Health) - Chi soffre di binge-eating ha episodi brevi e psicologicamente dolorosi più volte alla settimana, per almeno tre mesi. “La malattia è legata a problemi di salute mentale, al dolore cronico, a obesità e a diabete”, scrivono i ricercatori su ‘Annals of Internal Medicine’. Il disturbo interessa circa il 3% degli statunitensi durante la loro vita, secondo Kimberly Brownley della University of North Carolina di Chapel Hill, autrice principale del lavoro.
 
Lo studio
Il team di Brownley ha analizzato i dati provenienti da nove studi in cui i pazienti con binge-eating erano stati trattati con terapie psicologiche e 25 in cui hanno seguito un trattamento con i farmaci. I ricercatori hanno scoperto che la terapia cognitivo-comportamentale, gli antidepressivi di seconda generazione e la lisdexamfetamina hanno contribuito a ridurre il disturbo. I farmaci hanno anche ridotto le ossessioni e le compulsioni legate alla patologia.
 
Terapia combinata
“La terapia cognitivo-comportamentale può insegnare alle persone a identificare i pensieri associati con il binge-eating, e aiutarle a cambiare i comportamenti” spiega Brownley. Inoltre, la lisdexamfetamine e gli antidepressivi di seconda generazione possono aiutare a diminuire gli impulsi che spingono a mangiare. Lo studio non è però in grado di dimostrare se un antidepressivo di seconda generazione è meglio di altri.

Lisdexamfetamine e topiramato hanno anche portato alla perdita di peso tra le persone con disturbi di binge-eating. “Non possiamo dire se uno qualsiasi di questi trattamenti è fondamentalmente migliore rispetto agli altri – chiarisce Brownley – Non ci sono stati confronti testa a testa. L’analisi effettuata dimostra, comunque, che i trattamenti sono disponibili e le persone non devono soffrire da sole per la malattia”.

Fonte: Ann Intern Med 2016

Andrew Seaman

(versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

02 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy