Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Umbria. Alessandro Sanguinetti nuovo presidente Fondazione Cellule Staminali di Terni

Il rappresentante in Consiglio della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni è stato eletto all’unanimità. Succede ad Enrico Garaci. Tra gli impegni del neopresidente, le sperimentazione per il trattamento della Sla e della Sclerosi Multipla, la collaborazione con l’Università di Perugia, la creazione di Laboratori Controllo di Qualità in ambito farmaceutico.

04 LUG - Alessandro Sanguinetti, rappresentante della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, guiderà per i prossimi anni la Fondazione Cellule Staminali di Terni. E’ stato eletto alla guida della Fondazione Cellule Staminali con voto unanime dei componenti del Consiglio di Amministrazione. Per Sanguinetti, spiega una nota della Fondazione che annuncia l’elezione, “si tratta di un impegno importante di fronte alla crisi e alle grandi sfide che attendono il sistema della ricerca nazionale ed internazionale”.

Nato nel 1960 a Roma, Alessandro Sanguinetti dal 1988 è dirigente medico chirurgo presso l’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni, dove dal 2005 è responsabile della Struttura Dipartimentale di Senologia e dal 2012 è anche responsabile del Centro Salute Donna. Nel 2014 ha conseguito il dottorato di ricerca internazionale in Biotecnologie Applicate alle Scienze Medico-chirurgiche presso la Seconda Università di Napoli.

“Ringrazio tutti i consiglieri – ha dichiarato il neo presidente Sanguinetti - che mi hanno espresso la loro fiducia, votandomi. A loro, e soprattutto al prof. Enrico Garaci, al quale esprimo profonda gratitudine per il lavoro svolto in questi 10 anni, chiedo di starmi vicino con il sostegno, le proposte e i consigli che non vorranno farmi mancare. Sono però già in grado di indicare alcune linee essenziali per i prossimi impegni della Fondazione”.


Il primo tema annunciato da Sanguinetti è quello della seconda fase della sperimentazione che prevede il trattamento con cellule staminali neurali umane di pazienti affetti da SLA. “Il progetto scientifico, il numero e i criteri di inclusione dei pazienti, le modalità di trapianto e la tipologia di cellule dovranno essere approvati dall’AIFA ed in seguito dai Comitati Etici. Acquisiti i pareri positivi di tutti gli organi preposti, sarà possibile dare l’avvio alla sperimentazione e al reclutamento dei pazienti”, spiega la nota.

La sperimentazione multicentrica internazionale vede il coinvolgimento di centri di in Italia ed in Svizzera ed ha come coordinatore il nuovo centro di medicina rigenerativa dell’IRCCS Casa Sollievo Della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, con la produzione delle linee cellulari occorrenti nella Cell Factory situata nell’Azienda Ospedaliera di Terni e con i trapianti delle cellule staminali neurali effettuati dall’equipe neurochirurgica della stessa Azienda Ospedaliera”.

Secondo tema è quello della Sclerosi Multipla Fase I; “La sperimentazione prevede il trattamento di pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva con cellule staminali neurali umane. Lo studio multicentrico ed internazionale sarà coordinato dall’ IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, avrà una durata complessiva di circa 3 anni. Il progetto scientifico, il numero e i criteri di inclusione dei pazienti, le modalità di trapianto e la tipologia di cellule dovranno essere approvati dall’AIFA ed in seguito dai Comitati Etici. Acquisiti i pareri positivi di tutti gli organi preposti, sarà possibile dare l’avvio alla sperimentazione e al reclutamento dei pazienti. Anche in questo caso la produzione di cellule staminali neurali e la loro conservazione avverrà presso la Cell Factory di Terni”.
 
Terzo tema è la collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia. “Durante gli ultimi anni la capacità di ricerca e sviluppo della Regione Umbria nel settore scienze della vita si è trasformata radicalmente con la creazione del Centro delle Cellule Staminali di Terni e del Centro di Genomica dell’Ateneo di Perugia. L’esistenza di queste due strutture pone di fatto la Regione Umbria all’avanguardia dell’innovazione scientifica e tecnologica a livello Nazionale e Internazionale nel campo della terapia rigenerativa, della Farmacologia, della Medicina, delle Scienze Agrarie e della Veterinaria, valorizzando allo stesso tempo competenze di Ingegneria, Fisica e Matematica”.

“Sebbene i due Centri – prosegue la nota - siano nati da iniziative autonome ed operino in settori distinti vi sono delle aree di interesse comune che permettono di attivare sinergie e collaborazioni che possono generare un ulteriore valore aggiunto in termini di competenze scientifiche, capacità operativa e competitività. Il Centro di Genomica ed in particolare il laboratorio di Diagnosi Molecolare fornirà al centro delle Cellule Staminali di Terni la struttura logistica e le competenze scientifiche per sequenziare e tipizzare in modo tempestivo l’intero genoma sia dei singoli pazienti sia quello delle cellule staminali. Inoltre il Centro di Genomica ed il Centro delle Cellule Staminali collaboreranno a sequenziare i geni attivati dalle cellule staminali in differenti condizioni sperimentali per identificare profili di attivazione e marcatori molecolari permettano di validare le proprietà funzionali delle cellule stesse ed allo stesso tempo di implementare controlli di qualità nel processo di produzione”.

La collaborazione tra il Centro delle Cellule Staminali di Terni ed il Centro di Genomica dell’Università di Perugia “genererà delle importanti sinergie che si tradurranno in una accelerazione dell’acquisizione di conoscenze in campo clinico e diagnostico con la validazione di saggi diagnostici e protocolli di produzione e caratterizzazione di differenti tipi di cellule staminali, con particolare attenzione all’identificazione della selettività delle suddette in relazione all’uso in specifiche patologie”.

Quarto tema di lavoro è la creazione e realizzazione di Laboratori Controllo di Qualità in ambito farmaceutico presso la Struttura IBR (ex-Milizia). “La creazione di un laboratorio microbiologico potrebbe pertanto permettere l’eventuale fornitura di prestazioni analitiche ad altri reparti dell’Azienda Ospedaliera S. Maria (es. farmacia galenica) con conseguente ottimizzazione di costi per la Cell Factory e per l’Azienda Ospedaliera; potrebbero inoltre diventare tra i pochi laboratori con autorizzazione AIFA a poter fornire test analitici a quelle aziende Farmaceutiche operanti, ad esempio, nel centro-sud d’Italia sia in campo medico che veterinario (Tossicologia Farmacologica Medica e Veterinaria)”.

04 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy