Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Brexit. Ema: “Nostro lavoro non influenzato da referendum. Su sede aspettiamo decisione degli Stati”

L'Agenzia europea per i medicinali interviene dopo la Brexit e sul tema della nuova sede. “Le implicazioni per la sede e le operazioni di EMA dipendono dalle future relazioni tra il Regno Unito e l'UE. Queste sono sconosciute al momento e quindi non ci si impegnerà in speculazioni”. E rassicura: “L'Agenzia continuerà le sue operazioni, come al solito, in conformità con i tempi previsti dalle sue norme e regolamenti”.

06 LUG - “L'Agenzia riconosce l'esito del referendum del 23 giugno 2016. La maggioranza ha votato per l’uscita del Regno Unito (UK) dall'Unione europea (UE) ed è ora al governo del Regno Unito per decidere come agire sul risultato del referendum”. Così l’EMA in una nota in cui rassicua come “le proprie procedure e flussi di lavoro non sono stato influenzati dal risultato del referendum. L'Agenzia continuerà le sue operazioni, come al solito, in conformità con i tempi previsti dalle sue norme e regolamenti”.
 
“Nessuno Stato membro ha mai deciso di lasciare l'Unione europea – ricorda l’Agenzia - , quindi non ci sono precedenti per questa situazione”. E in riferimento alla nuova sede per cui l’Italia è tra i principali candidati, afferma come “le implicazioni per la sede e le operazioni di Ema dipendono dalle future relazioni tra il Regno Unito e l'UE. Queste sono sconosciute al momento e quindi non ci si impegnerà in speculazioni”.
 
In ogni caso l’ Ema “accoglie con favore l'interesse manifestato da alcuni Stati membri per ospitare l'Agenzia in futuro”, ma ribadisce come “la decisione in merito alla sede dell'Agenzia non sarà comunque presa dal Ema, ma sarà deciso di comune accordo tra i rappresentanti degli Stati membri. Siamo sicuri che gli Stati membri prenderanno la decisione più appropriata sulla posizione e le modalità, anche tenendo conto del contesto politico e giuridico complesso generato dal risultato del referendum del Regno Unito”.

 
“La rete di regolamentazione europea nel suo complesso – sottolinea l’Agenzia -  è un sistema molto forte e flessibile in grado di adattarsi ai cambiamenti senza compromettere la qualità e l'efficacia del suo lavoro. L'Agenzia è in stretto contatto con le istituzioni dell'UE. Appena vi delle informazioni concrete saranno disponibili, Ema le condividerà con i propri stakeholder”.
 
“Per il momento – conclude la nota - , l'Agenzia, i suoi 890 dipendenti e tutti gli esperti europei che contribuiscono al lavoro di EMA continuerà a concentrarsi sulla missione di proteggere la salute umana e animale e garantire l'accesso ai farmaci che sono sicuri, efficaci e di buona qualità”.

06 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy