Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 OTTOBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Il segreto degli Amish: ecco perché i loro figli si ammalano meno di asma

di Maria Rita Montebelli

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine suggerisce che le notevoli differenze nella prevalenza di asma tra due comunità religiose-agricole residenti negli USA siano ascrivibili alla diversa esposizione a endotossine e allergeni ambientali, oltre che al diverso microbioma dei ragazzi. Gli Amish vivono in maniera più semplice e praticano un’agricoltura più ‘tradizionale’ rispetto agli Hitteriti. I primi non conoscono praticamente l’uso del trattore, i secondi hanno ceduto alle comodità dei tempi moderni. Uno studio che porta acqua al mulino dell’ipotesi dell’eccesso di ‘igiene’ alla base dell’epidemia di allergie e di asma del mondo occidentale.

23 AGO - Un’infanzia passata nelle fattorie degli Amish americani proteggere dalla comparsa di asma. Lo rivela uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha messo a confronto di ragazzi di due comunità religiose, Amish e Hitteriti, che condividono lo stesso substrato genetico (sono entrambe di origine europea) e vivono di agricoltura e di allevamento degli animali. Tra tante somiglianze, la ricerca pubblicata sul NEJM rivela però importanti differenze nella composizione della polvere presente nelle abitazioni delle due comunità ragazzi. In particolare, nelle case degli Amish è presente una maggior concentrazione di endotossine e di allergeni ambientali; il diverso microbioma dei ragazzi Amish fa inoltre da ‘preparatore atletico’ al loro sistema immunitario. E tutto ciò sembra proteggerli da asma e da allergie.
 
Ad attirare l’attenzione degli studiosi sulle comunità degli Amish e degli Hutteriti negli USA è stata la marcata differenza di prevalenza di asma tra i ragazzi in età scolare nei due gruppi: 5,2% tra gli Amish, contro il 21,3%  degli Hutteriti. Anche la prevalenza della sensibilizzazione allergica è decisamente diversa: 7,2% tra gli Amish contro il 33,3% degli Hutteriti.

 
Gli Amish sono una comunità religiosa originata in Svizzera nel ‘500 e migrata negli Stati Uniti due secoli dopo; attualmente si trovano soprattutto nell’Ohio, dove vivono in maniera molto semplice, di pastorizia,  rifiutando sostanzialmente tutte le comodità del vivere moderno.Negli Usa sono attualmente circa 380 mila persone.
 
Gli Hutteriti costituiscono anch’essi una comunità religiosa di anabattisti di origine tirolese (il loro nome deriva da Jakob Hutter, predicatore tirolese, arso vivo ad Innsbruck nel 1536). A seguito delle repressioni cattoliche scatenate dalla rivolta dei contadini del 1525, gli anabattisti tirolesi si trasferirono in Moravia. Dopo una serie di persecuzioni che li portarono a migrare in Ucraina e ad Odessa, finalmente nel 1874 migrarono in massa verso Stati Uniti e Canada (attualmente sono circa 36 mila). Vivono in fattorie comunitarie di non più di 300 membri e mirano all’autosufficienza, attraverso la coltivazione della terra, l’allevamento degli animali e la produzione di vari prodotti artigianali.
 
Queste popolazioni agricole, con una forte impronta religiosa e di comuni origini europee, differiscono marcatamente per le pratiche agricole; gli Amish sono tradizionali all’estremo (pochissimi ad esempio usano il trattore), gli Hutteriti si avvalgono al contrario di pratiche agricole ‘industrializzate’.
 
Un team di studiosi dell’Università di Chicago e altri atenei americani, ha voluto vederci chiaro, partendo dall’ipotesi che le tecniche di coltivazione e l’esposizione a diverse tipologie di animali potessero giocare un ruolo sulle marcate differenze nella prevalenza di asma, 4 volte superiore tra gli Hutteriti.
 
Predisposizione genetica ed esposizione ambientale giocano un ruolo importante nella comparsa di asma e allergie. Gli studi epidemiologici evidenziano che i bambini cresciuti nelle fattorie tradizionali degli Amish si ammalano meno di asma. I ricercatori hanno ipotizzato dunque che la frequente esposizione agli animali di fattoria e le caratteristiche peculiari del microbioma giocano un ruolo protettivo nei confronti dell’asma.
 
In uno studio trasversale gli studiosi di varie università americane hanno valutato 60 bambini Amish e Hutteriti della fascia d’età 7-14 anni per valutare l’impatto dell’esposizione ambientale sulle risposte immunitarie correlate all’asma. I ricercatori hanno raccolto informazioni sull’asma e dati genetici e di laboratorio; quindi hanno prelevato dei campioni di polvere dalle abitazioni dei ragazzi arruolati nello studio, sottoponendoli a test per rivelare la presenza di endotossine, allergeni e per valutare la qualità del microbioma. Nel sangue sono stati ricercati segni di attivazione dell’immunità innata o adattativa.
 
Nessuno dei bambini Amish, ma il 20% di quelli Hutteriti è risultato affetto da asma, nonostante un substrato genetico comune (come rilevato dalle ‘impronte digitali’ del DNA): i ragazzi Hutteriti avevano livelli tripli di IgE sieriche e un’elevata percentuale di loro presentava elevati livelli di IgE specifiche contro allergeni comuni.
 
Per contro, i livelli di endotossine ambientali erano 7 volte più elevati nella polvere delle abitazioni Amish che in quelle degli Hutteriti. Esami del sangue ed esperimenti su modelli animali (topi) hanno evidenziato una maggiore attivazione dell’immunità innata tra gli Amish, rispetto agli Hutteriti. La conclusione degli autori è che l’ambiente degli Amish riduce il rischio di asma, attivando e ‘modellando’ le risposte immunitarie.
 
Maria Rita Montebelli

23 agosto 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy