Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 30 GENNAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cuore. I calcoli biliari predispongono alla malattia coronarica

di Kathryn Doyle

Le persone che soffrono di calcoli biliari hanno una probabilità più alta di sviluppare la malattia coronarica. È quanto emerge da una metanalisi statunitense che ha preso in considerazione sette studi. I depositi induriti, conosciuti come calcoli biliari, si formano nella cistifellea quando la bile contiene troppo colesterolo o altre sostanze anomale.

31 AGO - (Reuters Health) – Le persone che soffrono di calcoli biliari hanno una probabilità più alta di sviluppare la malattia coronarica. È quanto emerge da una metanalisi statunitense che ha preso in considerazione sette studi. I depositi induriti, conosciuti come calcoli biliari, si formano nella cistifellea quando la bile contiene troppo colesterolo o altre sostanze anomale. Mentre la causa non è del tutto chiara, fattori come l’obesità, le diete ad alto contenuto calorico e la sindrome metabolica sono chiaramente associati a un maggior rischio di calcoli biliari. Gli stessi fattori aumentano il rischio per la malattia coronarica, che uccide 370 mila americani all’anno, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).
 
“Diversi studi precedenti hanno suggerito un potenziale legame tra i calcoli biliari e le malattie cardiovascolari – spiega Qi Lu, autore senior del lavoro e professore di epidemiologia alla Tulane University di New Orleans – Il nostro studio fornisce la prima prova consistente in una popolazione degli Stati Uniti”. Ci sono oltre tre milioni di casi di calcoli biliari negli Stati Uniti ogni anno, secondo il National Institutes of Health. Se causano dolore, tutto l’organo può essere rimosso chirurgicamente.
 
La metanalisi
I ricercatori hanno combinato i risultati di sette studi degli Stati Uniti, che includono oltre 800 mila persone e 51 mila casi di malattia coronarica (intesa come infarto o condizione patologica che ha richiesto il posizionamento di stent).
 
Il 6% delle donne e il 3% degli uomini hanno avuto una storia di calcoli biliari. Queste persone tendono ad essere più anziane, sono state più spesso fumatici o utilizzatori regolari di aspirina, svolgevano poca attività fisica , avevano un indice di massa corporea più alto e il più delle volte una storia di pressione sanguigna alta, diabete o colesterolo alto.

Dopo aggiustamento per i fattori di rischio cardiaci comuni della malattia, così come l’età, lo stile di vita e altri fattori, i ricercatori hanno scoperto che le persone con una storia di calcoli biliari presentavano un rischio del 23% più elevato di malattia coronarica rispetto ad altri. “Il nostro studio è osservazionale in natura – ricorda Qi – e non può determinare una relazione causa – effetto. Ulteriori indagini sono necessarie per dimostrare se la relazione osservata è causale.”

“L’obesità, il diabete, il sesso femminile e il mangiare cibi ricchi di grassi e di colesterolo e poveri di fibre aumentano il rischio di calcoli biliari, che colpisce fino al 25% degli adulti nel mondo occidentale – aggiunge Qi – I pazienti affetti da calcoli biliari devono essere attentamente monitorati sulla base di un’attenta valutazione del problema e dei fattori di rischio della malattia cardiaca”.
 
Fonte: Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology,2016
 
Kathryn Doyle
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

31 agosto 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy