Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fitness. Valori-soglia cardiorespiratori predicono sviluppo malattie cardiovascolari

È quanto emerge da una nuova revisione sistematica e una metanalisi degli studi condotta da ricercatori spegnoli. “I livelli di fitness al di sotto di un picco di assorbimento dell’ossigeno di 42 e 35 ml/kg/min, rispettivamente per i maschi e le femmine, dovrebbero far alzare una bandiera rossa", scrivono Jonatan R. Ruiz dell’Università di Granada e colleghi sul British Journal of Sports Medicine.

10 OTT - (Reuters Health) - I livelli di soglia cardiorespiratori nel fitness sono in grado di identificare bambini e adolescenti con rischio più elevato di malattie cardiovascolari.È quanto emerge da una nuova revisione sistematica e una metanalisi degli studi condotta da ricercatori spegnoli. “I livelli di fitness al di sotto di un picco di assorbimento dell’ossigeno di 42 e 35 ml/kg/min, rispettivamente per i maschi e le femmine, dovrebbero far alzare una bandiera rossa – scrivono Jonatan R. Ruiz dell’Università di Granada e colleghi sul British Journal of Sports Medicine – Queste soglie identificano i bambini e gli adolescenti che possono beneficiare di programmi di prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria”.
 
“Anche se il fitness è ampiamente utilizzato nelle scuole e nei programmi sportivi dedicati ai ragazzi, i medici e gli enti sanitari che valutano il rischio di malattie cardiovascolari presenti o future a queste età, non hanno ancora adottato questi standard”, continuano i i ricercatori. Standard internazionali, simili a quelli utilizzati per la composizione corporea, dovrebbero essere sviluppati per facilitare il test di fitness.


La metanalisi
I ricercatori hanno esaminato sette studi con oltre 9 mila ragazzi tra gli 8 e i 19 anni provenienti da 14 Paesi. La percentuale a rischio di malattie cardiache variava dal 6% al 39% per i maschi e tra il 6% e l’86% per le ragazze. Ragazzi con livelli sotto a 41,8 ml/kg/min avevano 5,7 volte più probabilità di avere un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. Ragazze con idoneità al di sotto dei 34,6 ml /kg /min avevano 3,6 volte più probabilità di essere a rischio. “La consistenza dei risultati riportati in questo studio fornisce una forte evidenza per sostenere la più ampia adozione di standard cardiorespiratori per l’uso nelle scuole e nei programmi sportivi, così come in ambito clinico per la sistemi di sorveglianza e screening per identificare i bambini e gli adolescenti a rischio di malattie cardiovascolari che potrebbero beneficiare di programmi di intervento”, concludono i ricercatori.
 
Fonte: Br J Sports Med 2016
 
Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

10 ottobre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy