Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 12 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Zika. L’annuncio dell’Oms: “Non è più emergenza internazionale. Ma la lotta al virus prosegue”

Dopo 9 mesi l'Organizzazione mondiale della Sanità fa cessare l’allarme rosso. In ogni caso la battaglia ora proseguirà con "un approccio a lungo termine" ed un "piano di lavoro con risorse dedicate per fronteggiare la natura duratura dell'infezione e delle sue conseguenze".

19 NOV - Dopo nove mesi, l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha dichiarato conclusa la fase della 'risposta di emergenza' all'epidemia da virus Zika. Il virus continua a rappresentare una minaccia, spiega l'Agenzia Onu per la salute, ma il suo contrasto richiede ora "un approccio a lungo termine" ed un "piano di lavoro con risorse dedicate per fronteggiare la natura duratura dell'infezione e delle sue conseguenze".
 
La decisione è stata presa ieri dal Comitato di emergenza istituito dall'Oms (giunto alla quinta riunione) che ha dichiarato come il contrasto al virus, diffusosi soprattutto in Sud America e collegato a gravi patologie neurologiche fetali in caso di infezione di donne in stato di gravidanza, richiede ora "un approccio a lungo termine". Cessa quindi dopo 9 mesi l’allarme rosso, ma la battaglia non finisce qui.
 
Il virus (ad oggi, circa 30 Paesi hanno registrato casi di difetti neurologici fetali causati dal virus; oltre 2.100 casi di malformazioni del sistema nervoso sono stati registrati solo in Brasile) hanno avvertito gli esperti dell'Oms, rappresenta ancora "un problema molto serio sul lungo periodo che deve essere affrontato dall'Oms, gli Stati ed i vari partner allo stesso modo in cui sono contrastate altre pericolose malattie infettive". Dato che, affermano dall'Oms, "la ricerca ha ora dimostrato il collegamento esistente tra l'infezione da virus Zika e l'insorgenza di microcefalia fatale, il Comitato di emergenza ha avvertito che è ora necessario un robusto e duraturo meccanismo tecnico per organizzare la risposta globale all'infezione".

 
Molti aspetti di questa infezione e delle sue conseguenze, sottolinea ancora l'Oms, "devono ancora essere compresi, ma ciò può essere fatto in modo più efficace attraverso il sostegno alla ricerca". 

19 novembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy