Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 03 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro. Le mamme dei bambini malati perdono più facilmente il lavoro


Un recente studio svedese ha provato a quantificare l’impatto, in una famiglia, della malattia oncologica di un figlio. “Una diagnosi di cancro infantile è una fonte di stress genitoriale e si traduce in una situazione di vita alterata per la famiglia”, ha affermato l’autrice principale dello studio, Emma Hoven del Karolinska Institute di Stoccolma“.

22 NOV - (Reuters Health) – Un recente studio svedese ha provato a quantificare l’impatto, in una famiglia, della malattia oncologica di un figlio. “Una diagnosi di cancro infantile è una fonte di stress genitoriale e si traduce in una situazione di vita alterata per la famiglia”, ha affermato l’autrice principale dello studio, Emma Hoven del Karolinska Institute di Stoccolma“.
 
Per i genitori, la malattia è associata a problemi durante e dopo il trattamento che spesso per molto tempo interferiscono con le normali attività e routine della famiglia. Uno stress amplificato e/o le necessità del bambino di maggiori cure, possono portare i genitori a non poter lavorare come facevano prima della malattia del figlio. I genitori potrebbero prendersi una pausa dal lavoro, ridurre le ore lavorative o lasciare il lavoro retribuito per prendersi cura dei figli”,aggiunge Hoven.
 
Lo studio
I ricercatori hanno studiato più di 3.000 genitori di quasi 2.000 bambini che hanno ricevuto diagnosi di cancro in Svezia tra il 2004 e il 2009. Questi genitori sono stati messi a confronto con altri 35.000 presi dalla popolazione generale. A sei anni dalla diagnosi, per le madri di bimbi con il cancro, il reddito è calato in misura maggiore rispetto a quelle del gruppo di controllo.

 
I padri dei piccoli pazienti oncologici, invece, hanno registrato una flessione dello stipendio per i primi tre anni: dopo, il reddito è tornato simile a quello dei loro corrispettivi del gruppo di controllo. Inoltre, le madri avevano più probabilità di smettere di lavorare con un figlio affetto da cancro, mentre per i padri ciò si verificava più raramente. Il reddito dei padri era maggiore di quello delle madri e ciò avveniva in media in tutte le famiglie, a prescindere dall’avere o meno un figlio con cancro. Secondo quanto riportato da Cancer, la diagnosi di cancro in tenera età tendeva ad avere un maggior impatto sul reddito familiare: la maggior parte degli effetti avversi ha riguardato i padri di bimbi che hanno ricevuto diagnosi prima dei nove anni.
 
“Le preoccupazioni legate al lavoro e alla perdita di guadagni spesso causa un ulteriore stress in una situazione già difficile per le famiglie colpite da un cancro infantile”, ha dichiarato Hoven, “I genitori dovrebbero poter stare a casa con il figlio, poiché sono il suo maggior supporto, senza rischiare conseguenze sostanziali su reddito e lavoro”,

Fonte: Cancer 2016

Kathryne Doyle

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

22 novembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy