Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 27 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro. Le mamme dei bambini malati perdono più facilmente il lavoro


Un recente studio svedese ha provato a quantificare l’impatto, in una famiglia, della malattia oncologica di un figlio. “Una diagnosi di cancro infantile è una fonte di stress genitoriale e si traduce in una situazione di vita alterata per la famiglia”, ha affermato l’autrice principale dello studio, Emma Hoven del Karolinska Institute di Stoccolma“.

22 NOV - (Reuters Health) – Un recente studio svedese ha provato a quantificare l’impatto, in una famiglia, della malattia oncologica di un figlio. “Una diagnosi di cancro infantile è una fonte di stress genitoriale e si traduce in una situazione di vita alterata per la famiglia”, ha affermato l’autrice principale dello studio, Emma Hoven del Karolinska Institute di Stoccolma“.
 
Per i genitori, la malattia è associata a problemi durante e dopo il trattamento che spesso per molto tempo interferiscono con le normali attività e routine della famiglia. Uno stress amplificato e/o le necessità del bambino di maggiori cure, possono portare i genitori a non poter lavorare come facevano prima della malattia del figlio. I genitori potrebbero prendersi una pausa dal lavoro, ridurre le ore lavorative o lasciare il lavoro retribuito per prendersi cura dei figli”,aggiunge Hoven.
 
Lo studio
I ricercatori hanno studiato più di 3.000 genitori di quasi 2.000 bambini che hanno ricevuto diagnosi di cancro in Svezia tra il 2004 e il 2009. Questi genitori sono stati messi a confronto con altri 35.000 presi dalla popolazione generale. A sei anni dalla diagnosi, per le madri di bimbi con il cancro, il reddito è calato in misura maggiore rispetto a quelle del gruppo di controllo.
 
I padri dei piccoli pazienti oncologici, invece, hanno registrato una flessione dello stipendio per i primi tre anni: dopo, il reddito è tornato simile a quello dei loro corrispettivi del gruppo di controllo. Inoltre, le madri avevano più probabilità di smettere di lavorare con un figlio affetto da cancro, mentre per i padri ciò si verificava più raramente. Il reddito dei padri era maggiore di quello delle madri e ciò avveniva in media in tutte le famiglie, a prescindere dall’avere o meno un figlio con cancro. Secondo quanto riportato da Cancer, la diagnosi di cancro in tenera età tendeva ad avere un maggior impatto sul reddito familiare: la maggior parte degli effetti avversi ha riguardato i padri di bimbi che hanno ricevuto diagnosi prima dei nove anni.
 
“Le preoccupazioni legate al lavoro e alla perdita di guadagni spesso causa un ulteriore stress in una situazione già difficile per le famiglie colpite da un cancro infantile”, ha dichiarato Hoven, “I genitori dovrebbero poter stare a casa con il figlio, poiché sono il suo maggior supporto, senza rischiare conseguenze sostanziali su reddito e lavoro”,

Fonte: Cancer 2016

Kathryne Doyle

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

22 novembre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy