Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 04 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Perché finita la dieta ringrassiamo? Colpa dell’evoluzone e della nostra memoria delle carestie

di Maria Rita Montebelli

Chi passa da una dieta all’altra, suggerisce al cervello di vivere in un periodo di frequenti carestie. E una volta terminata la dieta, prima della prossima ‘carestia’, l’organismo si attrezza facendo provviste. Lo suggerisce uno studio inglese che ricorda come in passato avere sempre a disposizione il cibo non fosse affatto scontato e come questo abbia portato il nostro cervello a rispondere alla minaccia di una carestia facendo immagazzinare l’energia sotto forma di grasso con la migliore efficienza possibile. 

05 DIC - Si chiamo effetto yo-yo, quel continuo perdere chili e riprenderli, appena mollata la dieta. Dannoso per l’organismo, frustrante come solo un fallimento può esserlo, l’effetto yo-yo molto spesso aggiunge danno al danno, sotto forma di chili riguadagnati con gli ‘interessi’.
 
E adesso, uno studio delle università di Exter e di Bristol, pubblicato su Evolution, Medicine and Public Health, dà una spiegazione al fenomeno yo-yo.
 
Secondo i ricercatori inglesi, le diete ripetute portano il cervello a credere che il nostro organismo sia vittima di un periodo di carestia e dunque mette in atto tutte le risorse a disposizione per accumulare quanto più possibile energia per far fronte ad ulteriori futuri periodi di ‘magra’. Incluso il fatto che tra una dieta e l’altra le persone tendono a strafogarsi di cibo.
 
Per contro, le persone che non si sottopongono a diete drastiche, ‘convincono’ il loro cervello che non ci sono all’orizzontei periodi di ristrettezze alimentari e quindi l’organismo non si affanna a mettere da parte riserve energetiche.

In altre parole, gli animali si preparano ad affrontare la minaccia di una scarsità di cibo, aumentando di peso. Basta guardare – suggeriscono gli autori – gli uccelli da giardino, decisamente più grassi d’inverno, quando è più difficile trovare semini e insetti, che nella bella stagione.
 
I ricercatori inglesi hanno messo a punto un modello matematico relativo ad un animale che sa se il cibo è al momento abbondantemente a disposizione o scarso, ma non può sapere se e quando questa situazione cambierà. E prima di decidere quando grasso diventare, l’animale dovrà imparare a fronteggiare la variabilità di questa condizione.
 
Questo modello dimostra che se il cibo viene spesso razionato (come succede quando ci si mette frequentemente a dieta), un animale ‘ottimale’ (ovvero uno che ha le migliori possibilità di trasmettere i suoi geni alla progenie) tenderà ad aumentare di peso tra una ‘carestia’ e l’altra.
 
“Attraverso questo modello – spiega Andrew Higginson, psicologo dell’Università di Exter – siamo arrivati a calcolare che l’aumento medio di peso di chi fa le diete risulta superiore a quello di coloro che non si sottopongono mai ad una dieta. Questo accade perché chi non fa le diete ‘impara’ che il cibo è comunque sempre disponibile e quindi non è necessario ‘fare provviste’ di grasso.”
 
Questo modello spiega anche perché l’urgenza di ingurgitare cibo si fa sempre più pressante man mano che si va avanti con la dieta; un’urgenza che continua anche dopo la fine della dieta perché il cervello è convinto di dover mettere da parte provviste, in vista di una probabile prossima carestia.
 
“In altre parole – spiega il professor John McNamara, della School of Mathematics dell’Università di Bristol – il nostro modello dimostra che l’aumento di peso che si verifica spesso dopo una dieta non sta a significare che il metabolismo di una persona non sta funzionando o che quel soggetto è travolto da un craving per i dolci. Il suo cervello funziona alla perfezione ma l’incertezza sulla disponibilità di cibo in futuro scatena la risposta evolutiva che porta ad aumentare di peso”.
 
 “Il modo migliore per dimagrire – conclude il dottor Higginson – è mangiare un po’ meno del necessario, in maniera stabile e continuativa, e facendo anche esercizio fisico. In questo modo si hanno molte più probabilità di perdere peso in maniera duratura, che non sottoponendosi a diete drastiche”.
 
Se avete bisogno di mettervi a dieta, insomma, fatelo pure, ma senza esagerare col taglio delle calorie. E soprattutto fate in modo che il vostro cervello non se ne accorga. Altrimenti penserà di trovarsi nel bel mezzo di una carestia e si difenderà  mettendo in campo tutte le possibili strategie per conservare l’energia. Ovviamente sotto forma di grasso e di chili di troppo.
 
Maria Rita Montebelli

05 dicembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy